pannocchietti briganti

I “Pannocchietti” si fanno spazio nel panorama dell’artigianato artistico di San Severino Lucano, la nuova forma d’arte è stata ideata da Antonella Fiore. La poliedrica artista realizza scene di vita vissuta con la pannocchia di mais. Nelle sue mani le foglie che avvolgono la spiga diventano personaggi e scene della tradizione del Pollino, vestiti con abiti e accessori cuciti a mano, fatti a maglia o all’uncinetto. Ha riprodotto per esempio la mietitura, i briganti del Pollino, la nonna lucana, il pastorello con le sue pecore, gli antichi mezzi di trasporto, la donna al pozzo, la donna che fa e inforna il pane, o prepara la pasta o la passata di pomodoro e ancora la vendemmia, il vecchio focolare, il fungaiolo, la donna al fiume che lava i panni e tantissimo altro ancora.
Da sempre appassionata d’arte e attenta e scrupolosa osservatrice degli ambienti e del territorio in cui vive, Antonella Fiore, dopo aver disegnato e dipinto con acquerelli e tempera su cartone e tela, illustrato libri di poesie e vignette, tra l’altro con le sue tele ha contribuito alla lotta contro le dipendenze da gioco, ha “inventato” l’arte dei pannocchietti.
Come la maggior parte delle attività dell’artigianato artistico, così anche per questi particolari manufatti è richiesta una tecnica di lavorazione manuale ad alto livello tecnico professionale, anche perché il fine è un prodotto oltre che di elevato valore artistico anche di valore estetico e non solo, al completamento, è la rappresentazione di particolari del patrimonio storico e culturale. Una nuova occasione per arricchire l’offerta turistica della cittadina del Pollino.

0
0
0
s2sdefault

sponsor

Sponsor