strada lauria

 

Il tratto della ex SS 19 rimane ancora interrotto. Lamboglia: ancora per poco

Il tratto della ex SS 19 all’altezza di Lauria, in zona Pianomenta, rimane ancora chiuso. Le previsioni dicono che tornerà presto alla sua originale operatività. I detriti caduti sulla strada lo scorso 13 gennaio per lo smottamento franoso sono stati rimossi in meno di 24 giorni. Il Comune di Lauria sempre in contatto con i tecnici della Provincia ha sollecitato la redazione della relazione geologica sulla base della quale si progetterà l'intervento di messa in sicurezza definitivo. Successivamente è prevista la riconvocazione del tavolo con Regione e Provincia per consentire a quest’ultima di proporre concrete soluzioni percorribili.
“Sto continuando a richiedere con forza -precisa Angelo Lamboglia, sindaco di Lauria- facendomi portavoce delle esigenze di un territorio in ginocchio, che si faccia tutto quanto necessario per un'apertura almeno parziale dell'arteria: il mio appello e quello dell'intero territorio, è quello di procedere in questo senso nel più breve tempo possibile, per evitare ulteriori ricadute negative sulle attività, sulle famiglie e sull'intera collettività”.
Una frana, come ben si ricorderà, che ha spezzato il territorio circostante in due parti con gravi ripercussioni sulle famiglie, sulle scuole, sui trasporti e sulle attività commerciali, attori fondamentali del territorio. “Non possiamo permetterci – ha dichiarato Angelo Lamboglia- soprattutto in un periodo quale quello che stiamo vivendo, la chiusura di attività o il licenziamento di lavoratori. Circostanze che di fatto metterebbero a rischio la tenuta sociale della nostra area”. Sul posto è operativo anche il geologo, impegnato a raccogliere tutto ciò che è utile a completare i sondaggi necessari per la relazione. “Nei giorni scorsi -ha concluso Lamboglia- mi sono interfacciato costantemente con l'assessore regionale ed il presidente della Provincia di Potenza per ribadire la necessità di prodigarsi almeno per un'apertura parziale dell'arteria”.


Oreste Roberto Lanza