Sono iniziati i lavori di riqualificazione della Villa comunale intitolata all’Unità d’Italia. “Il progetto – spiega l’assessore ai Lavori Pubblici, Nicola Trombetta – disegnato da architetti e ingegneri del Comune di Matera, punta a restituire alla città un luogo che è nel contempo area verde e spazio sociale di aggregazione. Sarà realizzato un giardino urbano delle arti e dei sensi, dove i giochi d’acqua dell’antica vasca da ripristinare, si affiancheranno alle opere d’arte esistenti, ovvero le statue di Garibaldi, di Pentasuglia e la statua di Gurrado, oltre che a nuovi attrattori, all’interno di un verde rigenerato. La nuova recinzione, la riqualificazione dei servizi igienici, l’ammodernamento degli impianti, la tanto attesa nuova area giochi, ma soprattutto la riqualificazione del verde e il recupero della vasca monumentale che diventerà elemento centrale nel disegno della nuova Villa, sono gli elementi distintivi che caratterizzano il progetto. 

Circa 650mila euro l’importo dei lavori a base d’asta ed è la ditta “Caporale Srl” di Gravina in Puglia che si occuperà della riqualificazione della villa comunale. Ad ottobre il Sindaco De Ruggeri sottolineò che : “Dopo le vicissitudini occorse al bando per le periferie il Comune non poteva più attendere il finanziamento per la realizzazione di un’opera che consideriamo strategica per il decoro urbano della città. Abbiamo potuto utilizzare il nostro avanzo di amministrazione per anticipare le somme necessarie per l’esecuzione dei lavori. Con questa operazione abbiamo voluto rispondere alle polemiche, lanciando una sfida di modello e realizzando l’opera in tre mesi e mezzo, utilizzando i tempi minimi previsti dalla normativa sugli appalti. Il nostro messaggio al Governo è: non abbiamo bisogno di visite ispettive ma di attenzione, di sostegno e di soluzioni per risolvere i problemi della città”. L’assessore al Bilancio, Eustachio Quintano precisò inoltre che è stato possibile utilizzare l’avanzo di amministrazione “senza che questo provochi problemi in sede di rispetto del pareggio di bilancio, perché, con una circolare del 3 ottobre scorso, il Mef ha chiarito che l’applicazione dell’avanzo di amministrazione per investimenti viene considerata neutra ai fini contabili. Rendiconteremo comunque questa spesa a valere sui fondi del bando periferie all’interno del quale il progetto era stato candidato a finanziamento”. L’Amministrazione comunale finalmente consegnerà alla città uno spazio di socializzazione importante, rinnovato, realizzato con criterio e in tempi brevissimi. Tra le principali essenze arboree che saranno introdotte avremo il mandorlo e l’ulivo. Il mandorlo poiché è uno dei primi alberi a fiorire, in genere i primi di febbraio ed è l’albero che annuncia la buona stagione, simbolo dell’eroismo umano. L’ulivo, in quanto simbolo di pace, di trionfo, di vittoria e onore. Un impianto di sub-irrigazione servirà tutte le aree verdi. Sarà ripristinata la fontana storica, realizzati i bagni per i bambini e per i disabili, verrà aumentata l’area di calpestio e incrementato il verde. La nuova villa avrà inoltre una nuova recinzione con quattro ingressi che saranno chiusi con cancelli nelle ore di non utilizzo. Sarà infine realizzata l’illuminazione a raso dei percorsi pedonali per rendere ancora più suggestiva l’atmosfera del parco. Questo progetto rende evidente il lavoro della struttura comunale che c’è stato e che ora dà i suoi frutti visibili nei tempi che sono consentiti dalle normative in vigore –ha dichiarato l’assessore ai lavori pubblici Nicola Trombetta - Per avviare il cantiere abbiamo atteso la fine delle festività natalizie e poi qualche altro giorno per l’emergenza maltempo. Ora i lavori sono partiti e contiamo di restituire alla città in tempi rapidi uno dei suoi storici spazi di socializzazione”. 

Silvia Silvestri

0
0
0
s2sdefault