logo bn ultimo

 

Prima scelta, tante garanzie e consulenza di competenza, le ragioni del fatturato in crescita

Ripartenza dell’industria automotive dopo il lockdown. Dagli stabilimenti ai concessionari, parliamo di uno dei settori più importanti per il PIL del nostro Paese. Mercato auto azzerato nel mese di aprile, con le immatricolazioni calate del 97,5% e un intero settore alle prese con la Fase 2. Da inizio anno le registrazioni di nuove autovetture hanno registrato una contrazione del 50,7 rispetto al 2019, il Covid-19 dunque lascerà un segno pesante sul mercato auto in Italia e in Europa. Dopo l'estate, da settembre a dicembre, le cose dovrebbero migliorare, attestandosi su un calo del 30% per i due terzi del campione, ma con l'altro che indica ancora meno 50%. Secondo uno studio presentato da Dario Duse, Managing Director di AlixPartners, nel 2020 si prevede che il settore automobilistico possa perdere come volume una percentuale compresa tra il 35 e il 44%, passando a livello di immatricolazioni da una previsione di 2 milioni a 1,4 milioni di vetture. Numeri vicini ai tempi più bui della passata crisi del 2008.

In ogni caso, dopo l'estate, da settembre a dicembre, le cose dovrebbero migliorare. In Basilicata i numeri sembrano avere tendenza contraria, soprattutto nella parte del metapontino, in specie nella zona di Policoro dove da anni opera la concessionaria Giemme Auto. Una ripartenza senza grandi difficoltà. “Siamo ripartiti da tempo senza manifestare nessuna difficoltà – sottolinea Rose Mary Colucci amministratrice della Giemme Auto, raggiunta telefonicamente dalla nostra redazione –cresciamo con una tendenza costante, siamo tranquilli perché la programmazione fatta ad inizio anno porterà i risultati sperati”. Un dato positivo per il territorio che contribuisce a dare fiducia. “Guardi – continua Rose Mary Colucci – l’aspetto che ci inorgoglisce è il fatto che la ripartenza è avvenuta acquisendo una fetta di mercato nuova, gente nuova rispetto al passato che ci viene a trovare e in molti casi non perde tempo ad acquistare l’auto. Un dato frutto non di un lavoro antecedente, ma un risultato proveniente da numeri nuovi e freschi”. Il presidente di Federauto, Adolfo De Stefani Cosentini, qualche giorno fa ha detto: “potrebbe essere un’idea incentivare il cambio auto dei professionisti e dei parchi aziendali, per poter offrire un buon usato ‘fresco’ ai privati che ora avranno meno capacità di spesa.

“È un’idea che applichiamo da tempo – precisa Rose Mary Colucci – aggiungendo la qualità nel servizio, una consulenza competente e le dovute garanzie sul mezzo. Se a luglio lo Stato, come si dice, dovesse concedere degli incentivi al privato e alle aziende, per facilitare l’acquisto di un’auto, come per le aziende, permettere il rinnovo del parco auto, allora il risultato potrebbe essere per noi ancora più importante”. Un cittadino che decide di andare alla concessionaria Giemme Auto a Policoro sa di comprare in sicurezza. “Chi viene da noi trova una vasta gamma di mezzi – aggiunge Rose Mary Colucci - di ogni tipo e genere. Poi abbiamo il noleggio dei furgoni a nove posti, continuiamo a promuovere finanziamenti personalizzati, facciamo noleggio a lungo termine, senza escludere anche il settore del chilometro zero. Importante quello di offrire un prodotto fresco e italiano. I nostri mezzi sono italiani, nessuna importazione. Per dirla in sintesi: trattiamo solo prima scelta”. Andare a Policoro da Giemme Auto diventa inevitabile per acquistare un’auto “vera”.

 

Oreste Roberto Lanza

Info: https://www.giemmeauto.com/


ULTIMI ARTICOLIPIU' LETTITAG POPOLARI

sponsor

Sponsor