La minoranza parteciperà al consiglio comunale nonostante le irregolarità nella convocazione 

Inizia stasera ufficialmente la terza legislatura di Giuseppe Castronuovo. Con l’insediamento del nuovo consiglio comunale e il giuramento del sindaco partono le attività della nuova giunta e del consiglio. L’inizio sembra essere all’insegna del fair play con la minoranza che ha diramato un comunicato col quale dichiara di superare, per senso di responsabilità e collaborazione, i difetti di comunicazione della convocazione del consiglio comunale.

“In qualità di componenti del costituendo gruppo consigliare ‘Impegno Comune per Senise e il Territorio’ –scrivono Giovanni Asprella, Nicola Petruccelli, Armando Roseti e Valeria Sassano- comunichiamo ai cittadini di Senise, al Sindaco ed ai nostri colleghi di maggioranza, che, nonostante un grave, serio ed incredibile difetto di notifica nella procedura di convocazione della seduta odierna del Consiglio Comunale di Senise, saremo presenti regolarmente ai lavori.
Infatti l'Art. 5 comma 2 del Regolamento del funzionamento del Consiglio Comunale di Senise, precisamente al Titolo II, Capo I "Costituzione del Consiglio Comunale", recita: "L'avviso di convocazione è notificato agli eletti almeno cinque giorni prima della data fissata per la riunione e viene contestualmente comunicato al Prefetto".
Incredibilmente, a tutto il gruppo di minoranza, invece, la notifica della convocazione del Consiglio Comunale odierno (quindi data della riunione 06 Ottobre 2020) è stata consegnata, con mezzi diversi, solo nella mattinata del 05 Ottobre 2020.
Dopo un confronto informale con il Sindaco Castronuovo, abbiamo deciso di far prevalere il nostro senso di responsabilità e di rispetto nei confronti dell'Istituzione del Consiglio Comunale, concordando di accantonare lo spirito polemico che ha contraddistinto la campagna elettorale, decidendo di essere comunque presenti alla seduta, nonostante la presenza dei presupposti legali e regolamentari per segnalare tale grave difetto di procedura al Prefetto e poi al Tribunale Amministrativo competente.
Prima che i lavori del Consiglio abbiano inizio, chiederemo comunque al Sindaco di riferire su quanto accaduto, nella speranza che nel futuro queste situazioni di difetto regolamentare non si ripetano più.
Dimostriamo, anche in questa occasione, di considerare prioritaria, rispetto agli interessi politici di parte, la discussione sui temi ed i problemi che interessano la nostra comunità.”
Dopo la convalida degli eletti e il giuramento del primo cittadino, si procederà all’elezione del presidente e del vicepresidente, alla comunicazione delle nomine di giunta e del vicesindaco, alla nomina della commissione elettorale, e alla comunicazione degli indirizzi generali di governo.