logo bn ultimo

 

Incontro tra la delegazione italiana e cinese per l'accordo tra Associazione e Camera ItalAfrica-Gruppo Cestari

La Cina vuole investire nella nostra regione, in particolare nei territori della Zes Ionico-Metapontina. E’ quanto affermato dal presidente dell'Aseci (Associazione per lo sviluppo economico e culturale internazionale tra Italia e Cina), Gao Shuai, nel corso di un incontro con il presidente del Gruppo Cestari e della Camera di Commercia ItalAfrica, Alfredo Cestari. L'incontro tra le delegazioni italiana e cinese è il risultato di un accordo sottoscritto tra Associazione e Camera ItalAfrica-Gruppo Cestari per rafforzare la cooperazione internazionale favorendo l'avvio operativo delle Zes Appulo-Lucana e proseguire le attività già avviate nei mesi precedenti al lockdown. «L'impegno preso - ha dichiarato Cestari -è quello di accompagnare le imprese cinesi di tutti i settori, anche dell'agro-alimentare, ad insediare le loro linee di produzione nel Sud Italia, all'interno delle Zes.

Si aprono prospettive di sviluppo e crescita aziendale ed occupazionale importanti per l'imprenditoria e di conseguenza per le comunità del Sud. La Camera di Commercio ItalAfrica sta attivando tutti i canali indispensabili per avviare un tavolo di confronto con la Cina e Paesi dell'Africa per rendere protagoniste le imprese del Sud, accompagnate dalle Regioni attraverso il sostegno e il coordinamento dei ministeri del Sud, dello Sviluppo Economico, del Turismo e degli Esteri. La nostra mission è orientare gli accordi Italia-Cina sulla via della seta, che, per effetto della pandemia, hanno subito uno stop, e una cospicua fetta dei 100 miliardi per la cooperazione rafforzata tra UE e Africa verso i rapporti tra il Mezzogiorno d'Italia e i paesi dell'Africa centrale». Condizione pregiudiziale per gli investimenti cinesi nel Sud resta però la sburocratizzazione, ovvero, lo snellimento delle procedure per ogni tipo di localizzazione industriale nella Zes Ionica.

Il presidente di ItalAfrica ha inoltre ricordato che «è necessario farsi trovare pronti in una fase nuova che segna la ripresa, sia pure ancora timida, dei mercati internazionali e creare nuove opportunità di sviluppo e investimento per le aziende italiane. Abbiamo discusso con la delegazione cinese anche i progetti di efficientamento energetico attraverso lo sviluppo di partnership tra le primarie imprese statali cinesi nel settore tecnico/energetico, per la realizzazione di linee di produzione nel Sud Italia - ha concluso Cestari - La strategia trova fondamento operativo nel progetto Sud Polo Magnetico che intende realizzare interventi nei campi dell'innovazione, trasformazione, potenziamento, infrastrutturazione e progettualità. Possiamo e dobbiamo dare risposte immediate per nuove occasioni e posti di lavoro».

 

Silvia Silvestri

 


ULTIMI ARTICOLIPIU' LETTITAG POPOLARI

sponsor

Sponsor