Spagnuolo, se qualcuno pensa di fare strumentalizzazione per la campagna elettorale, sbaglia

SENISE - Sono passati ormai 16 giorni esatti dalla chiusura della Statale 653 “Sinnica”, e nulla si è fatto. Per questo motivo, domani alle ore 11:00 si terrà un'assemblea cittadina presso la sede Comunale per discutere tutti insieme sui disagi e sulle azioni da porre in essere in merito alla frana che interessa la la superstrada. "Riteniamo che il prolungarsi dei tempi - dice la prima cittadina di Senise, Rossella Spagnuolo - di "discussione" sulla definizione delle competenze comporti soltanto un aggravio della situazione e un prolungarsi dei disagi. Un intero territorio è mortificato e noi non accettiamo il gioco dello "Scarica barile". Pretendiamo risposte certe e la definizione immediata dell'intervento di messa in sicurezza e riapertura della Statale e la Regione deve farsi carico di un fenomeno di dissesto idrogeologico in area vasta. Se il Comune potesse intervenire lo avrebbe già fatto. Faremo sentire la nostra voce nella "pretesa immediata della soluzione" e se qualcuno pensa ne possa fare oggetto di strumentalizzazione in campagna elettorale, sbaglia". Intanto la riunione che era in programma domani a Potenza in Prefettura è stata rinviata al 6 marzo prossimo: "Per impegni dei Rappresentanti Regionali. All'incontro erano stati invitati i sindaci di Senise e Francavilla in Sinni, Francesco Cupparo, insieme all’Assessore Regionale Carmine Castelgrande, con i tecnici Anas e dell’Ufficio Difesa del Suolo della Regione Basilicata.

Claudio Sole

 


0
0
0
s2sdefault