Il comitato “La nostra voce” aspetta risposte dall’assessore alla salute Leone

“La dialisi di Chiaromonte in soffocamento perché il medico andato in pensione, non è stato ancora stato sostituito; non si riesce a fare nemmeno più un tampone della cervice uterina, prelievo molto semplice, perché non ci sono i terreni di coltura, cioè delle piastrine per fare il prelievo. Chiamando il Cup il primo appuntamento utile, ad agosto a Potenza. Un prelievo che non si può fare a così tanta distanza di tempo. Senza parlare del reparto di oculistica. A Chiaromonte non si può più fare un controllo della cataratta specialmente se il paziente è cardiopatico e quindi viene spedito a Potenza più volte. Una serie di disservizi ancora presenti che fanno intendere che il tempo non ha più tempo e i pazienti non hanno più pazienza”

. E’ il grido proveniente dai componenti del comitato “La nostra Voce” a oltre quindici giorni dalla venuta a Chiaromonte, dell’assessore regionale alla salute e politiche sociali, Rocco Luigi Leone. Rosanna Polito, Emanuela Di Santo, Teresa Di Santo, componenti di riferimento, del comitato, continuano la loro battaglia senza sé e ma. La Sanità nella valle del Sinni non può aspettare, la gente e i comuni di questo territorio sono in attesa di risultati concreti specialmente con l’arrivo della stagione estiva. “Il comitato è sempre vigile – sottolinea Rosanna Polito, una delle componenti più agguerrite - e denuncerà ogni cosa che vede...abbiamo bisogno di essere ascoltati e risolto i problemi”. Un comitato in movimento, vigile al problema della salute nella valle del Sinni. Poche parole.“Ci sono serie preoccupazioni... – continua Rosanna Polito -noi continueremo a monitorare la situazione segnalando il tutto all’Assessore Leone o a chi per lui si fa referente. Non si possono fare visite di routine per una donna e per i bambini, con un pediatra presente per due volte a settimana, salvo imprevisti. Il comitato è sempre dietro l’angolo a capire cosa succede”. Dietro l’angolo probabilmente il comitato sta pensando ad azioni più concrete e incisive. “E per ora le nostre denunce di disservizi ed altro saranno come informazioni all'assessore Leone - conclude Rosanna Polito - poi se le cose non cambiano le nostre azioni saranno anche più forti”.

Oreste Roberto Lanza


0
0
0
s2sdefault

ULTIMI ARTICOLIPIU' LETTITAG POPOLARI

sponsor

Sponsor