Aveva ereditato tutto dal padre, ma non aveva denunciato nulla

I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Senise hanno arrestato in flagranza di reato un noto professionista 56enne originario di un piccolo centro del circondario, ma operante nella cittadina senisese, responsabile di detenzione abusiva ed illegale di armi, anche clandestine. L'operazione è collegata all'arresto del 16 settembre scorso, sempre dai Carabinieri della Compagnia di Senise, di un 31enne del luogo, responsabile di detenzione di armi clandestine, e possesso abusivo di armi e munizioni. Nello specifico, un'arma con regolare numero di matricola, era di proprietà del padre del 56enne. Da qui la perquisizione nella sua abitazione con conseguente scoperta. Nel dettaglio i militari, durante l’esecuzione di mirati servizi finalizzati a verificare il rispetto della normativa in materia di detenzione e custodia delle armi, hanno effettuato una perquisizione all’interno di un locale utilizzato in via esclusiva dall’uomo nel comune di Senise. Nella circostanza gli operanti hanno rinvenuto e sequestrato più di 140 armi, in gran parte da sparo, tra cui 47 fucili e 82 pistole, di vario calibro, 12 sciabole, 22 baionette e persino 1 cannone tipo obice 105/22, risalente al dopoguerra, ma che, seppur reso inefficiente, qualora si trovasse in mani sbagliate, potrebbe essere riutilizzato.

I primi accertamenti dei Carabinieri hanno consentito di stabilire che il soggetto, dopo avere ereditato parte di dette armi dal padre, che ne aveva regolarmente denunciato il possesso, ha omesso di darne comunicazione alle Autorità di P.S. e di indicare la variazione del luogo di detenzione, non essendo, pertanto, destinatario del titolo di polizia che lo autorizzasse in tal senso. All’esito delle verifiche del caso, i Carabinieri lo hanno tratto in arresto. Sono in corso ulteriori approfondimenti investigativi al fine di stabilire l’esatta provenienza delle altre armi prive di matricola nonché la destinazione di talune risultate denunciate a nome del defunto e non rinvenute in possesso del figlio. Il Comando Provinciale Carabinieri di Potenza è da sempre impegnato, attraverso i presidi capillarmente distribuiti su tutto il territorio di competenza, nel preservare il mantenimento delle condizioni di ordine e della sicurezza pubblica nello specifico ambito, ove si susseguono e saranno predisposte ulteriori attività di controllo, in chiave preventiva, così da favorire un sempre maggiore rispetto delle normative che regolano il delicato settore.

 


0
0
0
s2sdefault

ULTIMI ARTICOLIPIU' LETTITAG POPOLARI

sponsor

Sponsor