Si andrà a sospendere un servizio importante verso uno degli aereoporti vicini alla Regione

Dal 13 ottobre prossimo, la società di autolinee Grassani&Garofalo ha comunicato, agli enti comunali interessati, che provvederà a sospendere il servizio giornaliero dalla costa jonica all’aeroporto di Bari. La comunicazione dell’ufficio preposto della società, datata 30 settembre, è stata notificata, agli utenti via social e ai comuni di: Policoro, Ferrandina, Scanzano Jonico, Nova Siri, Rotondella, Montalbano Jonico, Bernalda e Pomarico. Fanno sapere dagli uffici della società, nata nel lontano 1932 da un imprenditore di Montalbano Jonico, Nicola Gambacorta, che il servizio, attivo da lungo da lungo tempo, non è stato finanziato dalla provincia di Matera e dalla Regione Basilicata pur avendolo inserito tra quelli minimi. Il servizio, composto da due coppie di corse, non ha ricevuto il finanziamento di 350 mila euro annui, somma prevista per coprire i 600 chilometri giornalieri per il tragitto previsto. Un danno economico per la società e un grave pregiudizio per i cittadini dei territori interessati.

Un servizio nato nel 2014, poi potenziato nel 2018 con la premessa di un intervento finanziario previsto dalla provincia di Matera con fondi percepiti dalla regione Basilicata. “Abbiamo sollecitato tante volte gli enti interessati- ha precisato l’ingegnere Giovanni Grassani, responsabile dell’ufficio preposto, raggiunto telefonicamente dalla nostra redazione – ma senza ricevere una decisione chiara e netta al problema. Ultimamente abbiamo avuto un contatto con l’assessore alle infrastrutture e mobilità della Regione Basilicata, l’architetto Donatella Merra che ha promesso di risolvere la faccenda. Al momento siamo ancora in attesa di una risposta. Un servizio che nel periodo estivo raccoglie molta utenza, per logica, meno nella parte invernale; diventato vitale per la popolazione interessata”. A questa situazione di incertezza, pare, che il 30 novembre prossimo se ne sommerà un un'altra ben più grave. “Certo – sottolinea- l’ingegnere Giovanni Grassani – il prossimo 30 novembre, in regime di proroga, scadono tutti i contratti di trasporto per l’intera Regione. Infatti la Regione Basilicata non ha effettuato nessuna gara in tal senso per rinnovare i contratti. Per tale ragione la mattina del 1 dicembre si potranno verificare dei disagi importanti”.

 

Oreste Roberto Lanza


0
0
0
s2sdefault

ULTIMI ARTICOLIPIU' LETTITAG POPOLARI

sponsor

Sponsor