logo bn ultimo

 

Lavoro completamente fermo con un fatturato a zero Il 16 giugno manifestazione a Roma

Il dopo coronavirus, in Basilicata, è una ripartenza lenta e con molte difficoltà. Il settore della fotografia e del wedding in genere, in Basilicata si fa notare molto di più rispetto ad altri, proprio in questo periodo di inizio estate. Probabilmente sarà un’estate durissima quella che attende i fotografi professionisti costretti a rimanere fermi per via dei molti matrimoni, in particolari, già rinviati all’anno prossimo. La prolungata sospensione di qualunque tipo di eventi- inclusi quelli sportivi e i matrimoni, nonché delle variegate attività ludiche, d’intrattenimento e di spettacolo, ha determinato il completo annullamento delle uscite fotografiche, sia per iniziative pubbliche che private, costringendo gli operatori del settore a restare a casa per mancanza totale di committenti.

Lavoro completamente fermo con un fatturato a zero e spese in continua lievitazione. “Chiediamo agli organi competenti – precisa Salvatore Pentangelo- Vice presidente di Confartigianato fotografi - un supporto sia fiscale che economico. Agli organi regionali un contributo a fondo perduto per iniziare a ripartire”. Il bonus dei seicento euro per le partite Iva non sono sufficienti sottolineano i professionisti del settore e quelli del wedding nella totalità. “Stiamo cercando, con altri colleghi del settore – sottolinea Antonio Califano, Presidente Confartigianato fotografi– di creare delle sinergie per creare un tavolo di trattative unico con gli enti istituzionali”. Intanto il prossimo 16 giugno a Roma, manifestazione a livello nazionale, di tutte le associazioni di settore per chiedere tutele, contributi e una concreta attenzione per un settore che contribuisce di molto all’economia nazionale. Per la Basilicata ancora di più.

 

Oreste Roberto Lanza


ULTIMI ARTICOLIPIU' LETTITAG POPOLARI

sponsor

Sponsor