logo bn ultimo

 

Strade, abitazioni e attività commerciali allagate, tra cui gli interni del liceo scientifico

Sono caduti 79 millimetri di pioggia, cioè 79 litri di acqua su un metro quadrato di superficie in poche ore, una quantità di pioggia che normalmente cade in un mese invernale. Danni in via di quantificazione, al momento vanno oltre il milione di euro. Questo quanto è successo nel pomeriggio di ieri sul territorio di Sant'Arcangelo e rilevato dalla stazione pluviometrica in agro di Roccanova. Strade allagate, il ponte della strada provinciale 133, verso il campo sportivo, invaso di fango. Le strade del centro abitato in pendenza, con civili abitazioni invase da acqua e fango.

 

“I danni sono stati ingenti – precisa subito Vincenzo Nicola Parisi, sindaco di Sant’Arcangelo, raggiunto telefonicamente dalla nostra redazione – stiamo mettendo in atto tutte le procedure per richiedere lo stato di calamità perché in alcune zone del territorio è un autentico disastro. E’ andato tutto sott’acqua, strade con grossi danni, problemi sulla statale per non parlare dell’agricoltura dove i terreni sono completamente allagati. I tecnici del comune stanno verificando bocchetti e canali”. Danni rilevanti importanti per il territorio. “Guardi – continua il primo cittadino - si potrebbero evidenziare danni per oltre un milione di euro, ma al momento vanno quantificati, con diverse strutture da verificare. Abbiamo fatto degli affidamenti rapidi a ditte che ci aiutino a ripulire le strade. Quando tutto sarà stabilizzato vedremo complessivamente come stanno le cose”.

Diversi anche gli interventi dei Vigili del fuoco con strade, abitazioni e attività commerciali allagate, tra cui gli interni del liceo scientifico a San Brancato dove le aule e i corridoi sono stati invasi dall’acqua. Danni si segnalano anche ad un supermercato e all’interno dei locali della guardia medica. Intanto per la giornata di oggi si prevedono altre precipitazioni, il Comune ha messo in atto una serie di precauzioni avvertendo anche la popolazione di evitare di frequentare scantinati, l'area dei Giardini, sottopassaggi, via dei Cannavari, costoni, stradine e tratturi adiacenti a fossi e canali di deflusso acque.

 

Oreste Roberto Lanza

 


ULTIMI ARTICOLIPIU' LETTITAG POPOLARI

sponsor

Sponsor