Era a bordo della sua moto che è andata a finire in una scarpata

Incidente mortale ieri sera poco dopo le ore 20.00 a Tursi, in località Frascarossa. A perdere la vita un giovane di 33 anni, Luigi Gallo, che in sella alla sua moto è andato a finire in una scarpata. Il ragazzo sarebbe morto sul colpo. Il tratto di strada è quello di collegamento tra la Val d’Agri e Tursi. Inutili i soccorsi da parte dei sanitari del 118 arrivati subito sul posto. Sono in corso i rilievi da parte dei Carabinieri della locale stazione che stanno ricostruendo l'accaduto. La salma si trova adesso presso la sala mortuaria del cimitero cittadino, in attesa del riconoscimento e del nulla osta da parte delle autorità inquirenti giunto alle prime luci dell’alba che ha così permesso la restituzione alla famiglia per la camera ardente allestita presso la propria abitazione.

Sconvolta la comunità tursitana con il primo cittadino Salvatore Cosma che attraverso un post su Facebook esprime tutto il suo dolore: "Un’ennesima tragedia sconvolge la nostra comunità e rende ancora più gelide le prime giornate autunnali. Ragazzo mite ed impegnato nel sociale, Luigi era l’ultimo di tre figli e da poco si era dedicato all’insegnamento per mettere a frutto le sue conoscenze maturate durante gli studi universitari coronati con la laurea magistrale in Biologia della salute e della nutrizione presso l’Università dell’Aquila. La comunità tursitana pare avere un conto perennemente aperto con la malasorte visti gli eventi luttuosi che negli ultimi anni hanno sconvolto la cittadina che piomba in un silenzio e in una sensazione di sgomento senza precedenti. Da Sindaco e da amico soprattutto provo a racchiudere a nome di tutti questi sentimenti: L’atrocità di quanto accaduto, fa riaffiorare alla mente i tanti, troppi eventi luttuosi con cui la nostra comunità ha dovuto fare i conti in questi anni che ci hanno privato di giovani perbene e brillanti. Luigi è stato mio allievo a scuola calcio ed anche ora che era diventato un uomo attivo nel sociale ed insegnante, avevo conservato con lui e con tutta la splendida famiglia, un ottimo rapporto. Aggiungere parole o trovare aggettivi per descrivere cosa si prova davanti a questi accadimenti, risulta essere impossibile oltre che superfluo. Tutto viene detto e spiegato dal silenzio che aleggia sulla nostra comunità per la prematura perdita di un ragazzo d’oro.


In segno di vicinanza e rispetto, domani durante le esequie a cui presenzierò in forma ufficiale con la fascia tricolore sarà indetto il lutto cittadino per rimarcare ancora una volta il senso di unità e compattezza che contraddistingue la nostra Tursi specie in momenti come questo. Alla famiglia rinnovo il mio sostegno e la mia vicinanza in questo tragico e triste momento che non trova spiegazioni nella natura umana perché perdere un figlio per un genitore è un dolore incommensurabile. Ricorderò per sempre Luigi per il suo fare gentile e discreto, per il suo impegno nell’Avis cittadina, per le partite di calcio, per la sua educazione e rispetto verso tutti e per tutte le serate trascorse in allegria e spensieratezza con gli amici di sempre nella piazza del paese. Tutto questo da adesso mancherà ma sono certo che la sua presenza sarà costante in mezzo a noi. Ciao Luigi, non ti dimenticheremo mai. Il tuo sorriso possa continuare ad illuminare sempre le nostre anime. Possa Dio accoglierti in paradiso come meriti". Le esequie di Luigi si svolgeranno domani alle 15:30 nel rispetto delle norme anti-covid in vigore.