pina chiacchio e gerardo melchionda

 

Chiacchio: importante discuterne qui. Tornare alle vocazioni della nostra terra

Presentato a Episcopia, in provincia di Potenza, il dossier Basilicata 2018. Un documento corposo, inviato al ministro Costa, che movimenti, associazioni, comitati e cittadini lucani, impegnati nella tutela dell’ambiente, redatto approfondendo temi quali attività estrattiva, eolico selvaggio, amianto, cementerie, inceneritori, inquinamento dell’acqua. Un quadro sinottico con notizie schematiche utili per affrontare la maggior parte dei problemi del territorio lucano, legati al dilemma ambientale.
Il convegno, presente il professore Gerardo Melchionda, rappresentante dell’associazione Libera sul territorio lagonegrese, la professoressa Pina Chiacchio artefice insieme con la scultrice Franca Iannuzzi e Mirko Bianco, aveva l’obiettivo di discorrere su temi rilevanti del nostro tempo e del territorio lucano: salute e difesa del territorio da inquinamenti. Un incontro per cercare spunti, convergenze ed eventuali azioni comuni. Appuntamento nato dalla consapevolezza che la politica è la cura degli interessi comuni. Il Problema ambientale è uno degli interessi primari del territorio lucano. Episcopia è uno dei tanti luoghi che avverte l’importanza del tema.
“Ad Episcopia è stata una causalità – precisa Pina Chiacchio, docente di filosofia e storia, prima, e poi di filosofia e scienze umane presso l'istituto di istruzione superiore ‘Leonardo Sinisgalli’ di Senise, raggiunta telefonicamente dalla nostra redazione- in quanto Franca Iannuzzi e Mirko Bianco avevano avuto la possibilità di ascoltare un intervento di Gerardo Melchionda sul dossier Basilicata, e sapevano di un mio interesse per la questione ambientale e la gestione delle risorse nella nostra regione. Da qui è nata l’idea di questo appuntamento in questo piccolo centro per proporre una discussione su un tema rilevante. Nei nostri paesi è difficile che si possano creare situazioni di discussione, di confronto per tante ragioni. Eppure è necessario parlarne. La tematica ambientale è rilevante soprattutto in questi paesi della valle del Sinni dove i tassi di incidenza di malati di tumori è particolarmente preoccupante”.
Un convegno con l’obiettivo di trovare spunti e possibili soluzioni. “L’appuntamento è stato un momento di confronto aperto –sottolinea Pina Chiacchio– ed ha permesso di far venire fuori l’idea, piuttosto diffusa soprattutto nelle nuove generazioni, di ritornare ad utilizzare le autentiche vocazioni della nostra terra. Uno sviluppo sostenibile che sia legato alle specificità del territorio. Vocazione al turismo e recupero del valore dell’acqua. Superare questione Triv o Notriv. Riscoprire la vocazione della Lucania tutelando quelli che testardamente vogliono vivere qui”.
Un appuntamento con prospettive future ancora in questo bellissimo borgo della valle del Sinni. “Insieme a Gerardo Melchionda, Franca Iannuzzi e Mirko Bianco – conclude Pina Chiacchio– stiamo pensando ad un incontro, sempre ad Episcopia, che riguardi la formazione degli atteggiamenti votati alla legalità. Tutela ambientale e atteggiamenti sulla legalità sembrano un'unica voce”. Il bene ambiente è un bene comune in prestito, da proteggere per tramandarlo agli altri che verranno. Scrive nella sua seconda enciclica “Laudato Si” Papa Francesco.


Oreste Roberto Lanza


0
0
0
s2sdefault

sponsor

Sponsor