miskiglio di teana

 

Soddisfazione del sindaco e della Pro Loco. Il miskiglio è tra i Prodotti Tradizionali Italiani

Il Raskatiello di Miskiglio di Teana è stato inserito nell’elenco dei prodotti agroalimentari tradizionali italiani (Pat) istituito dal Ministero delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo (Mipaaft). La notizia si apprende dalla pubblicazione della Gazzetta Ufficiale del 12 marzo 2019 numero 60 dove il ministero delle politiche agricole alimentari, forestali, e turismo, nella diciannovesima revisione dell’elenco nazionale dei prodotti agroalimentari tradizionali delle regioni e delle province, relativamente alle paste fresche indica il prodotto tipico della gastronomia di Teana, piccolo centro in provincia di Potenza. Un elenco istituzionali dei prodotti tipici nato con il decreto ministeriale del 18 luglio del 2000.
Il Raskatiello di Miskiglio di Teana è uno dei piatti della tradizione di un’area territoriale ben definita del Parco Nazionale del Pollino, detta “Valle del Serrapotamo”. Le pagine di storia annotano la nascita di questa tipicità intorno al 1600, periodo nel quale Teana, come il resto della regione, si ritrovò ad affrontare un periodo di forte carestia dovuta alle continue morti a causa della peste nera e dei terremoti che si susseguirono in quegli anni. Sfamarsi era diventato la priorità e la popolazione fu costretta a cercare un’alternativa: produrre una quantità sufficiente di legumi e da qui il “miscuglio” di farina di grano e farina di fave. Un punto di forza per l’intera comunità teanese, dove Pro Loco e amministrazione comunale hanno da tempo concluso una prima fase di sviluppo dei programmi di promozione, iniziati con la pubblicazione di un Volume Scientifico sul Miskiglio di Teana (Bove, Galgano, Lo Vaglio, Pesce, Aloia, Romano del 2016), grazie ai Fondi del Patrimonio Beni Intangibili della Basilicata. Un impegno che ha visto il coinvolgimento anche dell’Università di Basilicata.
Soddisfazione massima per il Sindaco di Teana Vincenzo Fiorenza e del Presidente della Pro Loco Vincenzo Salvo. “Grazie all'impegno che già da tempo la locale Pro Loco, ha dedicato a questa nostra tradizione enogastronomica – ha sottolineato Vincenzo Fiorenza, primo cittadino di Teana, raggiunto telefonicamente dalla nostra redazione - siamo riusciti ad ottenere un altro importante riconoscimento per questo piatto della tradizione culinaria teanese. Il raskatiell di miskiglio teanese è già inserito da tempo tra i beni immateriali del patrimonio culturale ella Basilicata. Voglio sottolineare come la sinergia di intenti, di idee e di programmi tra la Pro Loco Teana e l'Amministrazione comunale, ci ha permesso di raggiungere questo traguardo. La mia stima e il mio apprezzamento per il lavoro svolto e per l'impegno profuso va senza dubbio al Presidente della Pro Loco di Teana, a tutto il direttivo e a tutti i ragazzi che hanno dato il proprio contributo per questo riconoscimento”. Dello stesso avviso anche il Presidente della Pro Loco, Vincenzo Salvo. “Dopo questo primissimo passo – ha precisato Vincenzo Salvo-il prossimo sarà quello di chiedere all’Unpli, l’unione nazionale pro loco d’Italia, il marchio di sagra di qualità, utile per la promozione del nostro piatto tipico. L’occasione di questo riconoscimento mi permette anche di dire, come pro loco, cercheremo il contatto con tutti i comuni vicini legato a questo tipo di prodotto”.

Oreste Roberto Lanza


0
0
0
s2sdefault

sponsor

Sponsor