L’appuntamento è nell’ambito del progetto Ka art. Per una cartografia corale della Basilicata

L’associazione ArtePollino presenta il prossimo appuntamento di Ka art. Per una cartografia corale della Basilicata, un progetto collaborativo e partecipato di Matera Capitale Europea della Cultura 2019, co-prodotto dall’associazione culturale ArtePollino e dalla Fondazione Matera-Basilicata 2019. Parte del progetto Ka art, 70 X 7 The Meal, a cura di Katia Anguelova, è una cena-performance del duo artistico Lucy + Jorge Orta. Il progetto è stato realizzato in numerose città del mondo e consiste in una cena collettiva, un’installazione pubblica che trasforma un evento quotidiano e umano, come il mangiare, in un momento unico - una grande tavola imbandita con i piatti in porcellana prodotti appositamente da una fabbrica della città di Limoges. 70 X 7 The Mealsi ispira al passo 17:4 del Vangelo di Matteo, dove l’espressione settanta volte sette indica l’infinito: una cena per sette ospiti, che a loro volta ne invitano altri sette ciascuno e così via all’infinito. Non c’è limite al ripetersi delle cene, le quali si svolgono in "atti" e mettono insieme diverse persone attraverso il rituale della condivisione del cibo. Ogni cena costituisce il capitolo di un discorso che si sviluppa in tempi e luoghi diversi, ogni piatto è unico poiché pensato in accordo al contesto locale; un dialogo che percorre linguaggi multisensoriali diversi. L’arte oltre che ammirata, può essere inghiottita e offerta. Al centro della ricerca di Lucy e Jorge Orta si intrecciano un insieme eterogeneo di temi: i rituali legati al cibo, il riciclaggio e l’attenzione per l’ambiente, il recupero delle tradizioni, la fabbricazione di oggetti e manufatti culinari, la creazione di comunità e le relazioni umane in generale. Lucy e Jorge Orta prendono spunto dal lavoro di Padre Rafael Garcia Herreros (Colombia, 1909-1992), che diede avvio a una serie di banchetti di beneficenza per raccogliere i fondi necessari per la realizzazione di un importante programma di sviluppo socio-urbano nella città di Bogotá. Portando avanti il modello di lavoro di Padre Rafael, Lucy e Jorge Orta hanno dato vita al 70 X 7 The Meal, che è diventato uno dei loro progetti più riusciti, capace di coinvolgere diverse comunità. Alla radice di questo progetto c’è una filosofia di vita: rispetto per l’ambiente, recupero delle tradizioni alimentari e miglioramento della qualità della vita. Per Lucy e Jorge Orta la disciplina creativa deve introdurre una strategia di impegno di ciascun individuo per il miglioramento delle condizioni del pianeta, comprese le relazioni umane e la trasmissione di valori culturali, politici ed ecologici. In questa azione artistica collettiva si realizza l’equilibrio tra storico e contemporaneo, cultura artistica e culinaria, soggetti pubblici e privati. Il XXXVI atto della cena-performance 70 X 7 The Meal è creato appositamente per Ka art. Per una cartografia corale della Basilicata e il 21 settembre 2019, a Latronico, nella dinamica cornice storico-culturale del MULA+, cento persone, appartenenti a luoghi e categorie sociali diversi, saranno invitate a prendere parte al rituale della cena all'aperto, a discutere, a scambiarsi idee sulla biodiversità e su come la cultura e l’educazione possano giocare un ruolo chiave nella rigenerazione e nello sviluppo delle piccole comunità locali e globali. La performance vedrà il coinvolgimento della rete dei produttori del Pollino, dell’Ente Parco Nazionale del Pollino e del GAL La Cittadella del Sapere, partner di progetto. Tutti gli ospiti siederanno intorno a una tavola apparecchiata con l’edizione limitata dei piatti di porcellana Royal Limoges, che gli artisti hanno creato appositamente per l’occasione. Durante l’Atto XXXVI della performance 70 X 7 The Meal sarà servita una degustazione di prodotti del Parco Nazionale del Pollino. Per partecipare alla cena-performance 70 X 7 The Meal di Lucy + Jorge Orta Atto XXXVI a Latronico bisogna essere muniti di Passaporto per Matera 2019 e prenotazione entro il 18 settembre 2019 da effettuare inviando una mail al seguente indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. La partecipazione sarà riservata alle prime cinquanta persone che invieranno la richiesta. Per partecipare occorrerà esibire la conferma via mail inviata dall'organizzazione.

Biografia artistica
Lucy (Regno Unito,1966) e Jorge Orta (Argentina,1953) fondano lo Studio Orta nel 1992. Tra i loro lavori più emblematici troviamo: RefugeWear che incarna le suggestioni apocalittiche derivanti dalla guerra del Golfo e Body Architecture che unisce architettura e abbigliamento; Nexus Architecture indaga i modelli alternativi del collegamento sociale; Il dono si concentra sull’etica biomedica della donazione di organi e il cuore come metafora della vita; OrtaWater e Le Nuvole riflettono sulla scarsità d’acqua e sui problemi derivanti dal suo inquinamento e controllo aziendale; l’Antartide considera gli effetti dei cambiamenti climatici sulla migrazione; l’Amazzonia esplora l’intreccio tra gli ecosistemi e il loro valore. HortiRecycling e 70 X 7 The Meal, invece, mettono in discussione la catena alimentare locale e globale e i riti della festa in comunità. Lucy e Jorge Orta riconoscono in questo progetto l'eredità di altri artisti che hanno cercato di utilizzare il cibo come strumento sociale, come mezzo per generare appartenenza o attenzione collettiva e come modo per definire pubblicamente lo spazio. Basti pensare all’esperienza di Daniel Spoerri che nel 1963 aveva creato Restaurant de la Galerie J - in cui lui stesso cucinava durante le serate, con critici d'arte che entravano nel ruolo dei camerieri - e che alla fine degli anni ‘60 aveva aperto il Ristorante Spoerri a Düsseldorf, trasformato nel 1970 in Eat Art Gallery: operazioni che aprono la strada alle successive generazioni di artisti che rendono attivo il pubblico nella produzione dell’opera. Sempre con lo stesso intento, nel 1971, Caroline Goodden, Gordon Matta-Clark, Tina Girouard, Suzanne Harris e RachelLew aprono il ristorante FOOD a New York City; Judy Chicago fra il 1974 e il 1979 produce una serie di performance - the dinner party - e Joseph Beuys riflette sul concetto di 'scultura sociale'.

Nel 2007, con un messaggio ambientale presentato alle Nazioni Unite in collaborazione con il Museo del mondo naturale, Lucy + Jorge Orta vengono insigniti del Green Leaf Award per l’eccellenza artistica. Il loro lavoro, nel tempo, si è concentrato tra Londra, Parigi e LesMoulins, un complesso culturale situato nella valle del GrandMorin tra il fiume Senna e il Marna. LesMoulins vuole ricreare un ambiente collettivo dedicato alla ricerca artistica a alla produzione di arte contemporanea. Le opere d'arte di Orta sono state al centro di importanti mostre di rilievo a Venezia, Londra, Rotterdam, Ushuaia, Milano, Roma, Shanghai, Parigi, Peterborough e in altre città.

 


0
0
0
s2sdefault

sponsor

Sponsor