logo bn ultimo

 

Il musicista lucano in finale per un posto che conta nella musica popolare

Pietro Cirillo noto musicista eclettico e ricercatore, componente del gruppo delle Officine popolari lucane, è in finale per il premio musicale Roberto Rizzini. L’appuntamento musical e è stato realizzato con il patrocinio del comune e la provincia di Verona insieme con la regione Veneto. La finale che si terrà sabato prossimo, 16 novembre, a Verona presso Fucina Culturale Machiavelli, è un appuntamento importante per sostenere talenti artistici dei vari territori nazionali,favorire lo studio della musica, la produzione dei testi e arrangiamenti di qualità,consentendo e incoraggiando un incontro di voci, di emozioni, d’idee intorno al calore autentico della musica popolare. Il premio è dedicato alla memoria di Roberto Rizzini, talentuoso musicista poli-strumentista veronese prematuramente scomparso. Quella del 2019 è la seconda edizione dove la Basilicata avrà il suo momento di risalto con la presenza dell’artista di Tricarico che proprio alcuni mesi fa ha pubblicato il suo ultimo album di melodie, suoni e racconti della terra di Lucania.

Dopo un lungo tour estivo, dove ha regalato emozioni alla platea non solo della propria terra, il giusto riconoscimento con il premio Rizzini. “Sono rimasto sorpreso ed emozionato per questo riconoscimento – precisa Pietro Cirillo – raggiunto telefonicamente dalla nostra redazione – sperando di portare la Lucania sempre in alto”. La giuria sarà composta da Stefano Brambilla, direttore e consulente artistico, manager musicale, Tommaso Castiglioni, polistrumentista, compositore e docente di musica, Grazia Colombini, musicista, docente di viola al conservatorio di Mantova,Grazia De Marchi, cantante , ricercatrice in ambito di musica popolare , Federico De Vittor, pianista , compositore e Paolo Marocchio, musicoltore.
“E’ un premio di qualità, molto raffinato, con una giuria molto attenta e con importanti musicisti”. Il brano selezionato dalla giuria per il lucano Cirillo è stato “La”psatura”. “Si tratta di un bravo – aggiunge Pietro Cirillo – che appartiene alla cultura popolare. Fu anche citato da De Martino e Diego Carpitella nella spedizione in Basilicata del 30 e 31 settembre 1952”. Ad accompagnare Pietro Cirillo in questa nuova avventura, saranno Carlo Ostuni, chitarra classica, Danilo Tomaccio, mandola e Domenico Tedesco, tamburi a cornice.

 

Oreste Roberto Lanza


ULTIMI ARTICOLIPIU' LETTITAG POPOLARI

sponsor

Sponsor