logo bn ultimo

 

Un progetto per coinvolgere associazioni, gruppi spontanei e consolidare il rapporto con il territorio

Si è dato il via a Picerno al progetto "Miti e riti lucani", ideato dall'Istituto Comprensivo in partenariato con il Comune, giunto alla Terza Edizione. Un'iniziativa volta a rievocare la memoria del Carnevale picernese che affonda le sue radici nella cultura popolare contadina. Il programma è ricco di eventi. Il 19 e 20 febbraio gli alunni dell'Istituto Comprensivo annunceranno per le vie del Paese il Carnevale. Nel pomeriggio del 20 febbraio alle ore 17:00 si esibiranno nella Torre Medievale con la rappresentazione del Carnevale attraverso racconti, suoni e danze popolari.

Il 21 febbraio è prevista la sfilata con raduno alle ore 10 al piazzale Mercato. Gli alunni dell'Istituto Comprensivo sfileranno con i costumi e le maschere da loro realizzati nei laboratori artigianali con l'aiuto delle insegnanti, dei genitori e dei nonni. Racconteranno i mesi dell'anno attraverso narrazioni, balli e canti riprendendo la tradizione. Ci sarà la distribuzione di prodotti tipici del Carnevale offerti dai panifici Tomas, Potenza, Marcantonio e Ciarly. Ultimo appuntamento martedì 25 febbraio con la sfilata che avrà inizio alle ore 16:30 e culminerà col fantoccio che verrà bruciato in Piazza Plebiscito. Saranno distribuite le chiacchiere preparate dall'Associazione Auser di Picerno grazie alla dedizione e all'impegno della Presidente Angela Alvino. Si ringrazia il Sindaco Giovanni Lettieri, l'Assessore alla Pubblica Istruzione Carmela Marino e tutta l'amministrazione comunale.
I ringraziamenti vanno al Preside Vincenzo Vasti oltrechè all'intero corpo docente che ha svolto un lavoro lodevole con grande impegno e professionalità coordinando attività di tipo musicale, artistico e culturale, guidato da Gerardo Viggiano, Professore di arte ed immagine, ideatore del progetto. Si ringraziano le associazioni del territorio e le famiglie degli alunni. Questo progetto è un modo per coinvolgere clubs, associazioni, gruppi spontanei e consolidare il rapporto con il territorio attraverso una didattica concreta oltreché per il recupero del prezioso patrimonio immateriale di cui Picerno come tutta la Basilicata dispone.

ULTIMI ARTICOLIPIU' LETTITAG POPOLARI

sponsor

Sponsor