A Potenza presentato il suo lavoro: “Seduzione e Tradimento”

Mirella Baldassarre, psicologa, docente e didatta di psicoterapia psicoanalitica, direttore C.I.D.P. (Centro Italiano Disturbi di Personalità), Vicedirettore I.R.E.P. (Roma e Padova) - Didatta I.R.E.P., ha presentato nell’Auditorium del Parco del Seminario a Potenza “Seduzione e tradimento”. Esperienze emotive travolgenti, fino al punto da provocare uno scompenso dell'equilibrio mentale di una persona. Le cento trentuno pagine raccontano l’amore, energia di vita, che può divenire fonte di dolore fino a tramutarsi in malattia, travolgere la vita di coppia, famiglia e figli. Dopo i saluti di Francesco Nacci, Presidente Centro Studi Erasmo, e di Luisa Langone, Presidente Ordine Psicologi Basilicata, Angela Granata, presidente Unicef Basilicata, anche nel suo ruolo di psicologa e psicoterapeuta, ha dato voce al libro di Baldassare sull’Amore.“L’amore nasce con la seduzione - ha detto Granata - poi l’attrazione e infine l’innamoramento: su queste basi due persone devono costruire una relazione d’amore. Ma essa può assumere due aspetti: l’Amore Sano, fonte di Benessere e gioia, e quello Malato, tossico, che diventa fonte di sofferenza. Come Presidente Unicef Basilicata mi preme sottolineare che l’Unicef è presente in ogni luogo in cui si parli di Amore, poiché questo sentimento è da intendersi soprattutto come Amore per gli altri, soprattutto per i bambini, le cui condizioni di vita dipendono da come gli adulti interpretano il rapporto d’Amore ”Elisabetta Nalon, Psicologa, Psicoterapeuta Psicoanalitica, Responsabile Centro Italiano Disturbi di Personalità Padova, si è soffermata, tra l’altro, sull’aspetto della seduzione, che può diventare manipolazione. La scrittrice, Mirella Baldassarre soffermandosi sulle parti importanti del suo lavoro alla fine ha dichiarato: “Le relazioni d'amore, sicuramente, impegnano perché coinvolgono emozioni e la complessità dell'architettura del mondo interno, facendo emergere le carenze strutturali della personalità. Ciascuno ama con le proprie capacità e cerca, inconsapevolmente, di realizzare i propri progetti, alimentare il desiderio, tacitare le angosce, dimenticando che l'altro è persona con i suoi bisogni”. La serata si è conclusa con danze dei ballerini del Centro Danza “Loncar”, la lettura di poesie di Salvatore Accardo e finale con le musiche di Astor Piazzolla, interpretate dai Maestri Eduardo Caiazza ed Ezio Testa.

Oreste Roberto Lanza


0
0
0
s2sdefault