Ora deve cambiare il clima e smettere di piovere, avverte il Crea, e la stagione si salverà

E' partita male e in ritardo la stagione delle ciliegie, arrivate sul mercato in scarse quantità, senza troppo sapore, con prezzi anche superiori al 50% rispetto alla scorsa annata. Colpa del maltempo che sembra non dare ancora tregua al Paese. Ma non tutto è perduto, perché a subire i danni sono le varietà precoci che si raccolgono a maggio che corrispondono a circa il 30% del totale. Ora deve cambiare il tempo e smettere di piovere, avverte il Crea (Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria), e la stagione si salverà. Coltivate in Italia su circa 30 mila ettari, le ciliegie vantano una produzione annua media di 120-130 mila tonnellate, concentrata per l'85% in Puglia, Campania, Calabria, Basilicata, Emilia Romagna e Veneto. Tante le varietà, ognuna con sapori, colori e tempi di maturazione diversi, come fa sapere l'Ismea, presentando una sorta di borsino. Se la varietà Ferrovia, tipica della metà di giugno e considerata la regina, al momento non presenta danni, è andata male per la Bigarreau, la ciliegia di maggio, con raccolti compromessi con punte del 90%.

0
0
0
s2sdefault