logo bn ultimo

marco zipparri

 

L’amministrazione ha provveduto ad ospitare medici e OSS in albergo per evitare i viaggi

L’ospedale di Villa d’Agri presto sarà pronto per ospitare gli ammalati di Covid-19. A confermarlo è il sindaco Marco Zipparri nell’intervista telefonica che riportiamo qui nell’articolo che non nasconde le preoccupazioni per questa scelta da parte della Regione. L’ospedale valligiano è uscita da poco, infatti, dall’emergenza legata al primo caso di Coronavirus di Moliterno dal momento che la signora risultata positiva al test era transitata proprio da quel pronto soccorso.

Il sindaco analizza la situazione dei paesi della Val d’Agri che risultano al momento uno dei principali focolai dell’infezione e dichiara di aver sollecitato, insieme agli altri primi cittadini, l’intervento dell’esercito per regolare il transito delle numerose auto che attraversano il suo comune.
Accanto a questa richiesta fatta sia al presidente della regione che al prefetto, Zipparri pone il problema del personale dell’ospedale che risulta insufficiente per far fronte all’emergenza che è chiamato a fronteggiare. Ci sono diversi spazi da utilizzare ancora, ci spiega al telefono, “abbiamo i contenitori ma mancano i contenuti”.


Nel frattempo la sua amministrazione comunale si è attrezzata per aiutare i medici che già ora operano nel nosocomio garantendo loro la possibilità di pernottare in un albergo per evitare lo stress e il pericolo del viaggio quotidiano da e verso casa, considerando che molti operatori sanitari, fra medici e infermieri, vengono dal potentino, dalla Campania e persino dalla Puglia. Zipparri, nel corso dell’intervista, chiarisce anche la questione dei tamponi somministrati agli operatori dell’ospedale.

 

Francesco Addolorato


ULTIMI ARTICOLIPIU' LETTITAG POPOLARI

sponsor

Sponsor