Una vittoria che fa sognare la C. Un 3-0 convincente

Al Curlo, Az Picerno – Gravina 3-0. Partita valida per la 25esima giornata di Serie D girone H, che non si disputò per via dell'improvvisa e abbondante nevicata abbattutasi su tutto il potentino nel weekend del 24 febbraio. Un Gravina, arrivato a Picerno dopo la bellissima vittoria di domenica scorsa ai danni del temibilissimo Taranto, cercava punti per risalire la classifica per uscire al meglio da un ciclo terribile che vedrà il sodalizio murgiano affrontare le prime 5 squadre della classifica nelle prossime domeniche. Picerno,primo in classifica, continua la sua galoppata verso la promozione senza freni. Da stasera i punti sono diventati 62 punti, frutto di 19 vittorie, 5 pareggi e 2 sole sconfitte, e 55 i gol fatti, appena 18 subiti. Segue il Cerignola secondo con una distanza di quattro punti. Il Taranto pare ormai deciso a giocarsi i playoff. Pronti e via. È il Picerno che crea il primo scompiglio in area pugliese. Bravo il portiere Loliva a sventare la minaccia. Poi è il difensore pugliese Romeo a chiudere con il corpo il colpo a botta sicura di Santaniello, servito da Esposito. Un minuto più tardi Loliva salva la sua porta proprio sull’incursione in area di Esposito. Pochi minuti e i padroni di casa sfiorano ancora il vantaggio: prima Santaniello fa partire un bel tiro a giro, con il pallone che termina alto di poco, poi è Kosovan, innescato ancora dall’ispirato Esposito, ad andare al tiro in area, ma il pallone finisce ancora oltre la traversa. Ripartenze rapide del Picerno che mettere in serie difficolta la retroguardia murgiana. Il Picerno vuole il vantaggio a tutti i costi che non si fa aspettare. Corre il 16’ grazie alla firma proprio di Esposito. Doccia fredda per il Gravina, che prova a reagire pochi secondi dopo con Mbida, ben servito da Mady, ma il tiro del centrocampista finisce a lato di un soffio. Ma è il Picerno a tenere il pallino dell’incontro. Il Gravina cerca di alzare il baricentro del gioco costringendo gli uomini di Giacomarro a rimanere a copertura della propria porta soffrendo maggiormente rispetto ai primi minuti. Gara che diventa sempre più ruvida e nervosa nel finale. Mangiacasale rischia il rosso per una gomitata punita solo con l’ammonizione.Gravinache continua a spingere, conun rimpallo fortuito di Mady manda il pallone di poco oltre la traversa, ma il primo tempo finisce 1-0 in favore del Picerno. Seconda frazione di gioco con un Picerno con un altro carattere e, dopo pochi secondi dall’avvio, trova il pesante gol del raddoppio con Kosovo: da una punizione calciata dalla sinistra da Esposito, il pallone finisce sulla testa del numero 10, che prende il tempo a Romeo e batte Loliva. Un colpo duro per il Gravina che fatica inizialmente a riprendere la velocità di gioco del primo tempo, ma al 57′ è il neo entrato Santoro a sfiorare il gol, colpendo la traversa. La spinta del Gravina diventa vero e proprio assedio nel finale, con Coletta che deve compiere un miracolo, togliendo dall’incrocio il gran tiro in girata di Mangiacasale, mentre Santoro mette fuori di nulla. La squadra di Giacomarro riesce però a resistere con grande maturità e, a 7′ dalla fine, chiude definitivamente i conti trovando il terzo gol: Pitarresi si libera da fuori area e fa partire un tiro molto angolato dalla distanza, facendo esplodere il pubblico del “Curcio”. Una rete che dà il via alla festa del Picerno, che difende il 3-0 fino al triplice fischio. Rossoblù a più 4 dal Cerignola. Domenica il campionato osserverà un turno di stop per il “Torneo di Viareggio”. Proprio in serata è in partenza anche Abou Langone, convocato nella Rappresentativa.

AZ PICERNO –GRAVINA 3-0
AZ Picerno (3-4-3): Coletta; Caiazza, Impagliazzo, Fiumara (65′ Spinelli ); Vanacore, Fontana, Pitarresi, Kosovan; Esposito, Santaniello , Langone. All.: Domenico Giacomarro.

Gravina (4-3-3):Loliva ;Dentamaro , Romeo , Nigro, Tarantino (70′ Bellomonte); Mady, Visone (50′ Santoro), Mbida; Mangiacasale, Scaringella, Chiaradia . All.: Valeriano Loseto.
Marcatori: 17′ Esposito, 48′ Kosovan, 83′ Pitarresi

Ammoniti: Caiazza, Impagliazzo (P); Mangiacasale, Romeo (G)

Arbitro: Catallo di Frosinone.


Oreste Roberto Lanza


0
0
0
s2sdefault