Un pareggio che vale oro. A fine primo tempo un parapiglia generale

Al Curcio AZ Picerno – Taranto 0-0 . Picerno in Lega Pro. La 32esima di campionato, con due giornate dalla fine, sancisce la storica promozione dell’AZ Picerno nel campionato professionistico. L’incontro ha visto fin dai primi minuti un Picerno subito resosi pericoloso: lancio per Santaniello, che arriva ai limiti dell’area e prova a colpire in diagonale, pallone sul fondo. La gara si dimostra però equilibrata, con il Taranto che non rinuncia a giocare: grande occasione per Favetta, che non arriva per un soffio al tocco decisivo sul cross tagliato di Oggiano, che viene così bloccato da Coletta. Ancora il Picerno. Qualche minuto dopo risponde la squadra di casa, con Kosovan che viene lanciato in profondità, ma davanti al portiere colpisce il palo, vedendo sfumare il vantaggio. Il Taranto, però, è la squadra che spinge maggiormente e alla mezz’ora ci provano ancora. Oggiano entra in area e calcia in diagonale, respinge distendendosi Coletta. Nel finale, ancora Taranto che spinge, mentre il Picerno resta basso a protezione della propria difesa per poi ripartire in velocità. Gli ospiti, però, sprecano tanto. Una clamorosa occasione, nel finale di primo tempo, sprecata da Favetta, che al centro dell’area calcia altissimo. Ultimi minuti del primo tempo, il Taranto con lo scatenato Oggiano prova a calciare, altro gran intervento di Coletta che si distende e salva la sua porta; poco dopo, Esposito conta i passi, da posizione diagonale, e fa partire una gran botta, risponde bene Antonino. Si rientra negli spogliatoi sullo 0-0. All'ingresso negli spogliatoi un parapiglia generale che porta il direttore di gara ad espellere Croce. Due calciatori del Taranto restano feriti nei disordini. La seconda frazione in inferiorità numerica vede il Taranto mettere pressione alla retroguardia lucana sfiorando ancora il gol nella parte centrale del tempo. Gran punizione di Oggiano, Coletta vola e mette in angolo con un altro grande intervento. Passapochi minuti e risponde il Picerno, con Vanacore che scambia con Santaniello, ma da due passi mette fuori. La gara resta però di totale controllo del Taranto, con gli uomini di Giacomarro bassi a difendere la propria porta. In una situazione di tensione latente, il finale vede poco occasioni clamorose: ci prova Marsili da punizione, ancora pronto Coletta a respingere in angolo. Ma il risultato non cambia e la gara finisce così 0-0. Il Picerno, con il punto guadagnato vola in Lega Pro avvantaggiato dal risultato della diretta inseguitrice, l’Audace Cerignola bloccata fuori casa sul risultato di parità. Un grande campionato, quello del Picerno che ha strameritato la promozione frutto di organizzazione societaria e tecnica. Una squadra composta di giovani motivati con gente di esperienza. Poi la passione e l’impegno da parte di tutti, compresi i tifosi, sono stato il tocco magico ad una stagione meravigliosa. Una promozione che verrà scritta nelle pagine del calcio lucano per un piccolo centro di poco più di cinquemila abitanti.

TARANTO-AZ PICERNO 0-0

TARANTO (4-2-3-1): Antonino; Pelliccia, Bova (39′ st Oggiano), Di Bari, Ferrara; Marsili (17′ st Massimo), Manzo; Di Senso (19′ st Croce), D’Agostino, Salatino (19′ st Guadagno); Favetta. A disposizione: Martinese, Carullo, Squerzanti, Bonavolontà, Menna. All. Luigi Panarelli.

AZ PICERNO (3-5-2): Coletta; Impagliazzo, Fontana, Ligorio (22′ st Bassini); D’Alessandro, Langone (18′ st Sambou), Conte (11′ st Esposito, 32′ st Gallon), Pitarresi, Vanacore; Tedesco (38′ st Spinelli), Kosovan. A disposizione: Fusco, Camara, Cesarano, Ianniello. All. Domenico Giacomarro.
Arbitro: Sig. Mattia Caldera – sezione di Como ( Marco Orlando Ferraioli – sezione di Nocera Inferiore, Vincenzo Pedone – sezione di Reggio Calabria).
Ammoniti: Vanacore, D’Alessandro (P); Salatino (T).
Espulsi: Croce (T)
Note: corner 11-1; recupero 1’ pt, 6′ st; circa 4000 spettatori.

Oreste Roberto Lanza

0
0
0
s2sdefault