Nella quarta tappa affonda Dumoulin, cade il lucano Domenico Pozzovivo

Richard Carapaz (Movistar Team) ha vinto la quarta tappa del centoduesimo Giro d’Italia, da Orbetello a Frascati di 235 km. Al secondo e terzo posto si sono classificati rispettivamente Caleb Ewan (Lotto Soudal) e Diego Ulissi (UAE Team Emirates). Tom Dumoulin (Team Sunweb), coinvolto in una caduta, è arrivato al traguardo con un ritardo di 4’04”.Notizia di giornata è sicuramente la caduta dell’olandese Tom Dumoulin (Sunweb), arrivato con oltre quattro minuti di ritardo e apparso molto dolorante, non è da escludere che il suo Giro d’Italia possa anche essersi già concluso.Questo il resoconto di un percorso pianeggiante lungo le strade maremmane per arrivare al GPM di quarta categoria di Manciano, posto al km 32. Breve discesa e una salita graduale verso Poggio Evangelista. Ancora una lunga discesa fino a Tuscania dove la strada in salita raggiungeva Vetralla, dove al km 115 era posto il primo traguardo volante. Poi un tratto ondulato attorno all’area metropolitana di Roma e a Mentana, al km 186, secondo sprint intermedio. Ultimi 2 chilometri in salita con una pendenza media del 4,4% e massima del 7% nel tratto iniziale. Una tappa, quella odierna, racchiusa tutta nel finale.Un percorso che ha regalato delle emozioni nel finale. Gruppo compatto agli ultimi 10 chilometri. In testa al gruppo gli uomini della Movistar e della Mitchelton-Scott.A 8 chilometri dalla fine la corsa entra nel vivo: Villella davanti per il compagno di squadra Miguel Angel Lopez: anche l’Astana cerca la sua giornata. Vincenzo Nibali nelle prime posizioni. Lo Squalo sempre vigile su un arrivo esplosivo e non adatto alle sue caratteristiche.A pochi chilometri dalla fine il gruppo si spezza in due con Vincenzo Nibali che si attarda di molto. Attimi dopo cadono Tom Doumoulin e il Lucano Domenico Pozzovivo. Arrivo vicinissimo con venti ciclisti vicinissimi con Roglic unico tra gli uomini di classifica. Lo sloveno sta guadagnando tantissimo grazie al lavoro della sua squadra. Dopo Nibali, perde terreno anche l’italiano Viviani. Ultimo chilometro con Valerio Conti Ackermann e Ewan, che non si staccano. Freschissimo Roglic, fatica Demare. Agli ultimi 30 metri lo scatto improvviso dell’ecuadoregno Richard Carapaz lascia dietro Ewan e Ulissi arrivando primo sul traguardo.La maglia rosa, Roglic guadagna 18 secondi su Nibali. Classifica generale rivoluzionata. Soltanto lo sloveno Primoz Roglic (Jumbo-Visma) rimasto nella testa della corsa ha guadagnato terreno rispetto ai diretti avversari: Vincenzo Nibali (Bahrain Merida) e Simon Yates(Mitchelton Scott) hanno infatti perso 16” e hanno tagliato il traguardo in compagnia tra gli altri di Miguel Angel Lopez (Astana), Rafal Majka e Davide Formolo (BORA-hansgrohe). Domani Frascati- Terracina di 140 chilometri prevalentemente pianeggiante.

Oreste Roberto Lanza

 


0
0
0
s2sdefault

sponsor

Sponsor