La quinta tappa Frascati-Terracina. Viviani senza gambe

Il tedesco Pascal Ackermannfa il bis, beffa Gaviria e vince in volata la quinta tappa del Giro d’Italia la Frascati-Terracina di ben 140 chilometri. La notizia di giornata è quella del ritiro definitivo di Tom Dumoulin dalla centoduesima edizione del Giro d’Italia. L'olandese, dopo la rovinosa caduta di ieri, oggi non ha preso il via, alla tappa di Frascati. Ieri Dumoulin aveva perso circa quattro minuti in classifica generale.Tappa con 13 secondi di abbuono massimo in palio per la classifica generale, 3 al traguardo volante e 10 sul traguardo finale per il primo classificato. Inoltre 72 punti in palio per la classifica della Maglia Ciclamino (classifica a punti – 787 punti rimasti) e 3 punti per la Maglia Azzurra di miglior scalatore (661 punti rimasti).Presente ai nastri partenza della tappa odierna il Presidente del Consiglio dei Ministri della Repubblica Italiana Giuseppe Conte che dopo aver salutato la Corsa Rosa al foglio firma, ha poi dato il via alla Tappa. Frascati-Terracina di 140 km.una frazione corta e con un finale in circuito, destinata come previsto alle ruote veloci del gruppo. A farla da padrone il freddo e la pioggia che ha condizionato non poco le azioni del gruppo e degli sprinter. Partenza in discesa dalla nota cittadina dei Castelli Romani, passando per la Tuscolana, con i primi 30 km comprendenti il GPM di Rocca di Papa, piazzato al km 36. Da Velletri discesa transitando per Latina e risalendo per un breve tratto verso il secondo GPM di Sezze, a circa 50 km al traguardo. Finale lungo la costa tirrenica di Terracina è caratterizzato da un circuito di 9,2 km rettilineo, soprattutto l’ultimo chilometro caratterizzato da una lunga scia di acqua che ha impedito a molti dei corridori di poter gestire il finale di corsa. Gruppo compatto fino al traguardo con Vincenzo Nibali nelle prime posizioni. Poi una pioggia incensante riduce sensibilmente la testa del gruppo.Restano soltanto gli uomini interessati alla vittoria di tappa, un po' indietro Elia Viviani. Agli ultimi 5 chilometri il ritmo si fa elevato, primeggia la Israel Cycling Academy di Davide Cimolai. A 4 chilometri si compone il treno della Groupama-FDJcon Elia Viviani scortato da due compagni della Deceuninck-QuickStep che si porta nelle posizioni di testa, All’ultimo chilometro la Groupama-FDJ sembra la squadra più organizzata ma succede l’imprevedibile. Il tedesco Achermann, scatta agli ultimi 50 metri sul gruppetto con Gaviria che cerca di anticipare il tedesco della BORA-hansgrohe senza riuscirci. Vince Pascal Achermann in 3 ore 27 minuti e 5 centesimi. Dopo Gaviria , terzo è Démare. Niente da fare per Viviani che non è riuscito a trovare il momento giusto per partire.Maglia rosa sempre nelle mani di Primoz Roglic . Resta Terzo Vincenzo Nibali con un distacco dal secondo, Yates, di 39 centesimi. Domani sesta tappa Cassino- San Giovanni Rotondo di 238 chilometri con il finale su strade più strette dove a 30 chilometri dall’arrivo si affronta la salita di Coppa Casarinelle che sale a tornanti con pendenze del 6-5% sul Gargano e porta a 15 km dall’arrivo.

Oreste Roberto Lanza


0
0
0
s2sdefault