Nell’ottava tappa di 239 chilometri lasciati dietro i velocisti

Caleb Ewan vince l’ottava tappa del Giro d’Italia 2019, la più lunga di questa 102esima edizione ben 239 chilometri. L’australiano della Lotto Saudal taglia per primo il traguardo della Tortoreto Lido-Pesaro, dopo avere battuto in volata Elia Viviani e Pascal Ackermann. Al secondo e terzo posto rispettivamente Elia Viviani (Deceuninck – Quick-Step) e Pascal Ackermann (Bora – Hansgrohe).Una tappa con 13 secondi di abbuono massimo in palio per la classifica generale, 3 al traguardo volante e 10 sul traguardo finale per il primo classificato. Vi sono inoltre 47 punti in palio per la classifica della Maglia Ciclamino e 15 punti per la Maglia Azzurra di miglior scalatore.Frazione con il gruppo compatto per molti chilometri, poi lo scatto di tre corridori: Marco Frapporti (Androni Giocattoli-Sidermec), Damiano Cima (Nippo Vini Fantini Faizanè) e Nathan Brown (EF Education First), ma quest’ultimo viene ripreso quasi subito dal gruppo; restano quindi solo i due italiani al comando. Ai 50 chilometri il vantaggio sul gruppo, si stabilizza su 5 minuti e 30 secondi con una velocità di media ai 43 chilometri. Gruppo tirato dagli uomini della UAE-Team Emirates per la maglia rosa e quelli della Groupama-FDJ per Arnaud Démare.Ai 150 chilometri dall’arrivo il vantaggio dei corridori di testa si stabilizza a 6 minuti,Cima supera Frapporti al traguardo intermedio. Passa davanti nel gruppo Démare, che vuole puntare alla maglia ciclamino. A 100 km dal traguardo il vantaggio dei due battistrada scende a 4’. Dopo il gran Premio della montagna di monte della Matterail gruppo accelera e riesce a gestire meglio la situazione, usurando il tempo agli attaccanti di oltre 2 minuti. Cima viene ripreso all’inizio di Monteluro, salita di quarta categoria di 4,4 chilometri al 3,3 per cento di pendenza media. Ai 30 chilometri dall’arrivo il gruppo si ricompatta. Ciccone va in fuga insieme a Vervaeke (Sunweb) e Francois Bidard (AG2R La Mondiale) in discesa. Arriva la pioggia forte ai 15 km dal traguardo, all’inizio della discesa molto tecnica verso Pesaro. Il gruppo si riunisce con Caleb Ewan che parte in velocità staccando tutti e arrivando sul traguardo precedendo Viviani e Ackermann. Maglia rosa ancora strettamente nelle mani dell’italiano Valerio Conti. Classifica generale che rimane invariata con Nibali sedicesimo con un ritardo di oltre 6 minuti. Domani nona tappa a cronometro di 35 chilometri da Riccione a San Marino.

Oreste Roberto Lanza


ULTIMI ARTICOLIPIU' LETTITAG POPOLARI

sponsor

Sponsor