roglic giro d'italia

 

Nibali attende le tappe di montagna, lo squalo siciliano attraversa un buon stato di forma

La nona tappa a cronometro Riccione- San Marino di appena 34 chilometri non riserva nessuna grande sorpresa. Seconda vittoria di tappa di Primoz Roglic (Team Jumbo-Visma) che dopo il cronometro individuale inaugurale sul San Luca di Bologna si è ripetuto nella Sangiovese Wine Stage da Riccione a San Marino (RSM). Il podio di giornata è stato completato da Victor Campenaerts (Lotto-Soudal) e Bauke Mollema (Trek-Segafredo), Vincenzo Nibali (Bahrain – Merida) ha accusato un ritardo dal vincitore di 1’05” mentre hanno perso terreno Simon Yates (Mitchelton – Scott) e Miguel Angel Lopez (Astana Pro Team).Ottimo Primoz Roglic che vince la cronometro ma che pur risalendo venti posizioni in classifica non riesce nell’impresa di strappare la maglia rosa all’eroico Valerio Conti che l’ha difesa con i denti conservando ancora 1’50” di vantaggio sullo sloveno.
Ma la giornata ha riservato onori anche allo squalo italiano Vincenzo Nibali che ha superato egregiamente l’esame del cronometro cedendo solo 1’05” nella prova per lui più delicata di tutto il Giro. Non è uno specialista, ma si è sempre difeso nelle prove contro il tempo. Lo squalo siciliano ha dimostrato di attraversare uno stato di forma più che buono. Il capitano della Bahrein-Merida è un uomo di fondo, per questo che aspetta le prove in montagna per esprimere il meglio di sé. Molto male l’altro grande favorito Simon Yates che ha perso ben 3’11”, vittima di crampi. Una frazione a cronometro resa difficile, per la pioggia battente, nelle curve e nei tratti in discesa. Onore a Roglic per la sua giornata trionfale. Il capitano della Jumbo ha sconfitto anche lo specialista Victor Campenaerts, secondo, recente recordman mondiale dell’Ora su pista, che ha gareggiato con condizioni meteo molto più favorevoli di lui. Distacchi pesanti, oltre che per Yates, anche per Amador, Chaves, Landa e Miguel Angel Lopez. La classifica generale al momento vede profilarsi un duello tra Roglic e Nibali per la Maglia Rosa, anche se nessuno tra gli altri favoriti può venir tagliato fuori a priori: Bauke Mollema e Rafal Majka stanno denotando una condizione convincente. mentre Simon Yates e Miguel Angel Lopez, ora pesantemente staccati, saranno costretti a fare fuoco e fiamme per ribaltare il verdetto del cronometro odierna. Per avere un quadro più chiaro bisognerà attendere la Cuneo-Pinerolo di giovedì 23 maggio per il GPM di prima categoria di Montoso. Da venerdì 24 maggio inizierà tuttavia un susseguirsi incessante di tapponi di montagna.

Oreste Roberto Lanza


0
0
0
s2sdefault

sponsor

Sponsor