Tre punti meritati per i rossoblu in campo al Viviani con le reti di Giosa e Isgrò

Al Viviani Potenza- Catania 2-0. Ritornava tra le mura amiche la sfida che lo scorso anno ha impedito ai rossoblù di Raffaele che il sogno serie B prendesse forma. Nella doppia gara dei play off i due pareggi per 1-1 hanno promosso gli etnei, ma gli strascichi per gli errori arbitrali, a danno dei lucani, hanno lasciato una coda amarissima. Il bilancio tra le due squadre, nel catino potentino, è in perfetta parità, 4 vittorie per parte e 3 pareggi, ma lo scorso anno i rossoazzurri pagarono un dazio pesantissimo, perdendo 3-1. Sfida antichissima, risalente addirittura al 1937, ma diventata rovente solo negli ultimi anni. Il Potenza vuole riscattare la sconfitta di Terni, gli isolani di Camplone (a punteggio pieno e col miglior attacco del girone) sono reduci dalla vittoria in rimonta sulla Virtus Francavilla.Catania senza tifosi al seguito su decreto del prefetto di potenza. Palla al centro è Potenza in vantaggio. Al 14’ ci pensa Giosa a portare in vantaggio i suoi, con un colpo di testa che vale l’uno a zero dei lucani. Stadio in delirio. Potenza che non si illude e cerca di tenere nella metà campo la squadra siciliana. Al 17’ ci prova Emerson con un tiro ad effetto ad impensierire la retroguardia ospite ma la palla finisce tra le mani sicure dell’estremo difensore del Catania. Tre minuti dopo il Catania si fa vedere dalle parti dei locali con un calcio d’angolo che non produce gli effetti sperati. Al 24’ si fa vedere il Potenza con l’attaccante trentatreenne Isgrò con un tiro velenoso da fuori area che finisce nel dimenticatoio. Al 26’ il mister siciliano Camplone mette dentro Saporetti al posto di Esposito. Ma è il Potenza a dare segni vita con Ricci che sbaglia una facile palla.

Al 34’ ancora una sostituzione per il Catania: entra Liama al posto di Dall’Oglio, Catania che cerca il pareggio senza, però costrutto. Il Potenza tiene in mano il centrocampo avversario con continue folate sugli esterni della fascia creando non pochi problemi alla retroguardia siciliana. Al 41’ il Potenza porta a casa il raddoppio. Ci pensa proprio Isgròche terrorizza la difesa avversaria con una bella serpentina personale: il suo mancino non è irresistibile ma Furlan è impreciso e lascia passare il pallone in fondo al sacco.Catania sorpreso ma non demoralizzato. Al 46’ per i siciliani entra Mbende al posto di Esposito. Risponde il Potenza con Souare al posto proprio di Isgrò. Quattro minuti di recupero e fine del primo tempo con il Potenza che va negli spogliatoi con un vantaggio meritato dopo aver dominato in lungo e in largo contro un Catania troppo poco propositivo. Secondo tempo con un Potenza che controlla bene il Catania sulla linea della mezzeria che cerca di limitare i danni cercando una rete. Al 67’ Emerson pasticcia nel controllo, ma Curiale, servito a tu per tu con Ioime, non ne approfitta, sparando addosso al portiere avversario, che blocca senza problemi il pallone.Ma il Potenza cerca la terza segnatura. Al 72’ è l’attaccante Muraro ad impensierire la difesa siciliana con un tiro che viene ribattuto dalla difesa. Un minuto dopo ci prova Emerson ma senza esito positivo. Al 78’ il Potenza procede ad una sostituzione: entraIuliano al posto di Dettori. Mister Raffaele ci crede e cerca la vittoria con un risultato sicuro. All’86 ancora una sostituzione per il Potenza: entra Coppola al posto di Ricci. Gli ultimi sprazzi della partita sono del Potenza che non riesce a sfruttare un calcio d’angolo con un tiro sbilenco di Viteritti. Dopo 5 minuti di recupero tutti negli spogliatoi. Il Potenza guadagna altri tre punti importanti per la classifica.

 

POTENZA-CATANIA 2-0


POTENZA: Ioime; Panico, Dettori, Coccia, Ricci, Murano, Giosa, Sales, Isgrò (46' Souare), Emerson, Longo. All.: Raffaele.
A disposizione: Breza, Brescia, Viteritti, Iuliano, Sepe, Arcidiacono, Nembot, Coppola, Volpe, Di Somma, Ferri Marini.

CATANIA: Furlan; Silvestri, Welbeck, Sarno, Di Molfetta, Lodi, Curiale, Saporetti (26' Esposito, 46' Mbende), Pinto, Dall'Oglio (34' Llama), Calapai. All.: Camplone.
A disposizione: Martinez, Noce, Bucolo, Di Piazza, Marchese, Catania, Biondi, Rossetti, Mazzarani.


Arbitro: Daniele Paterna di Teramo.(Mattia Massimino di Cuneo e Claudio Gualtieri di Asti)
Marcatori: Giosa (P) 12', Isgrò (P) 41'.
Ammoniti: Dall'Oglio (C), Isgrò (P).
Recupero: 3' pt, 5'st.
Spettatori: 3948 spettatori totali (di cui 1535 abbonati e 3 ospiti) per un incasso di € 47.000,00.

 

Oreste Roberto Lanza

0
0
0
s2sdefault