SENISE - Al via la seconda stagione dello spettacolo “Magna Grecia. Il mito delle origini”, il grande progetto artistico in cui si fondono arti e tecnologie diverse nel racconto del viaggio di Alexios, l’ecista fondatore di città che nasce dalla fantasia geniale di Lorenzo Miglioli, che ha scritto e diretto lo spettacolo, per la regia teatrale di Nicola Zorzi e la direzione artistica del grande Emir Kusturica.
L’edizione 2017 dello spettacolo, che parte il 20 luglio e segna 25 date fino al 9 settembre, è stata presentata nel corso di una conferenza stampa tenutasi martedì 18 luglio scorso, alla quale hanno partecipato il direttore dell’Apt Mariano Schiavone, il sindaco di Senise Maria Rosa Spagnuolo, Stefano Caselli Vice presidente Solares Fondazione delle Arti, e Francesco Calderaro dell’ATI Magna Grecia.
La formula riproposta quest’anno è la stessa dell’anno scorso, perfezionata nella parte tecnologica e arricchita per ciò che riguarda le coreografie e le comparse, numerose e ben integrate nel contesto di uno spettacolo, unico e originale, che unisce teatro, cinema, danza ed effetti speciali di avanzata tecnologia.
Il tutto in una cornice imponente popolata di rovine, colossi e flotte che si muovono su un immenso specchio di acqua al centro del proscenio. Storia, mito e cultura si fondono in un racconto suggestivo che ripercorre lo sbarco dei Greci in Occidente e la nascita della nostra civiltà.
Le novità in fatto di organizzazione e promozione dello spettacolo sono state esposte da Calderaro che ha illustrato i termini della collaborazione con gli altri attrattori dell’area sud della Basilicata, come il Volo dell’Aquila, lo spettacolo gemello de La Signora del Lago, l’estate di Isabella Morra a Valsinni, e con i musei archeologici di Taranto e Brindisi. La sfida di quest’anno, ha poi spiegato Calderaro è la destagionalizzazione dell’utilizzo dell’Arena Sinni, in cui si tengono gli spettacoli, e il collegamento fra quest’ultima e le attività di promozione del centro storico.
Il sindaco Spagnuolo ha posto l’accento sulla necessità di collegare l’Arena Sinni con la sponda sinistra del lago Monte Cotugno, nel cui bacino sorge la struttura, soprattutto rivalutando il centro sportivo con la piscina comunale, in modo da creare i presupposti per un utilizzo turistico del lago e una sinergia con l’attrattore. La Spagnuolo ha poi sollecitato Schiavone sul rifinanziamento del Programma Speciale Senisese sulla destagionalizzazione dell’uso dell’arena, avanzando alcune proposte in merito e chiedendo notizie in merito al previsto acquisto di un battello elettrico per gite sul lago. Altro tema toccato dal sindaco è stato quello del centro storico, per il quale, ha detto, occorre pensare ad una fruizione in chiave di ricettività. Intanto l’amministrazione sta procedendo, ha annunciato, ad una sanificazione e igienizzazione straordinaria del borgo antico.
Per il direttore Apt Schiavone il sistema degli attrattori funziona. Negli ultimi anni ha portato in Basilicata ben 130 mila presenze per un fatturato di 1,5 mln di euro.
Intanto questa sera si riaccendono le luci del proscenio dello spettacolo della Magna Grecia. Sarà il valore artistico di questo grande progetto a ridare slancio ad azioni future.


Francesco Addolorato

0
0
0
s2sdefault

sponsor

Sponsor