logo bn ultimo

 

Precise indicazioni e linee guida per svolgere al meglio il proprio lavoro in questo momento di riapertura

#cosinonriparto. È lo slogan scelto dalle oltre 90 agenzia di viaggio della Basilicata (54 in provincia di Potenza e 38 in provincia di Matera) per richiamare l’attenzione delle istituzioni, nazionali e regionali, sulla loro difficile condizione economica determinata dalla ripartenza. La protesta, svoltasi nel centro di Potenza, rivolta alle istituzioni nazionali e regionali, è nata con l’obiettivo di richiedere precise indicazioni e chiare linee guida per svolgere al meglio il proprio lavoro in questo momento di riapertura.

 

Le agenzie di viaggio, in una regione turistica come Basilicata rappresentano una componente importante, non solo perché esse sono grado di attivare movimenti turistici consistenti, ma anche perché è nel rapporto con il turismo gestito da Tour Operator e da altri soggetti di intermediazione che l’offerta turistica di un territorio può, più direttamente, misurare le proprie condizioni di qualità e di competitività. Un’attività con un fatturato importante. “La nostra protesta – sottolinea Giulio Brienza – rappresentante delle agenzie di viaggio di Basilicata – è per dire che noi siamo una parte importante del turismo della Basilicata.

Facciamo parte di un anello importante della filiera turistica settore più colpito dal Covid19”. Una protesta che delle precise richieste. “Chiediamo di lavorare – ha concluso Giulio Brienza– in sicurezza con delle linee guide precise che ci vengano indicate dal governo nazionale ma anche e soprattutto dalle istituzioni regionali. Chiediamo di ricevere quelle indennità a fondo perduto promesse al settore. Aiuti concreti per ripartire”.

 

Oreste Roberto Lanza