logo bn ultimo

 

Progetto per recuperare, mantenere e valorizzare le risorse genetiche delle drupacee della Basilicata

Cinque appuntamenti "Open Day", iniziati lo scorso 12 aprile che si concluderanno il 20 aprile, dedicati alla biodiversità e alla conservazione delle antiche varietà di fruttiferi del Pollino. Appuntamenti organizzati dall'ALSIA (Agenzia Lucana di Sviluppo e di Innovazione in Agricoltura)nell’ambito di due progetti, entrambi finanziati dalla Regione Basilicata tramite la Misura 10.2 "Agro biodiversità" del PSR 2014-20: FiNoPoM ("Caratterizzazione e conservazione di antiche varietà di fico, nocciolo, melo e pero della Basilicata") e BioDruBa ("Caratterizzazione e conservazione di antiche varietà di ciliegio, susino, albicocca, pesco, percoco e mandorlo della Basilicata").

 

Il progetto FINOPOM prevede la Caratterizzazione bio-agronomica e genetica delle varietà rinvenute e raccolte in recenti campagne di mappatura eseguite da ALSIA nell’area sud della Basilicata. Le varietà/ecotipi che saranno caratterizzate bio-agronomicamente e geneticamente riguarderanno: 44 di melo, 42 di pero, 28 di fico e 4 di nocciolo. Mentre con il progetto BioDruBasi intende recuperare, mantenere, caratterizzare e valorizzare le risorse genetiche delle drupacee della Basilicata. Con questo progetto si espleterà attraverso azioni mirate, azioni concertate e azioni di accompagnamento. Incontri organizzati con la collaborazione dell’azienda agricola sperimentale dimostrativa "Pollino" di Rotonda, a Viggianello, Castelluccio Superiore e Chiaromonte, tutti in provincia di Potenza.

 

Un percorso che prevede la visita ad alcuni siti di conservazione della biodiversità, e corsi di innesto di antiche varietà su piante selvatiche presenti lungo gli antichi tratturi del massiccio del Pollino e scambio delle marze. Verranno attenzionate diverse varietà tra le quali il ciliegio, susino, melo e fico. Dopo il primo appuntamento svoltosi a Viggianello qualche giorno fa, dove sono stati effettuati degli innesti al melo e visitati dei campi di conservazioni, identico è stato passaggio svoltosi successivamente a Castelluccio Superiore. Appuntamenti che hanno l’obiettivo di mettere in campo tutte le azioni che prevedono il mantenimento di collezioni di Drupacee già presenti presso l’ALSIA, con particolare riferimento a 33 varietà locali di ciliegio, 27 varietà locali di susino, 4 di albicocco 2 di pesco, 2 di percoco e 6 di mandorlo; la realizzazione di campi catalogo a diverse altitudini; la caratterizzazione morfo-agronomica; la caratterizzazione genetico-molecolare e la caratterizzazione nutrizionale del materiale. Il prossimo e ultimo appuntamento a Chiaromonte, nella valle del Sinni, in località Pastera.

 

Oreste Roberto Lanza


POLITICAPIU' LETTIULTIMI ARTICOLI

Image Premio Letterario Basilicata, Cupparo: "Orgoglio per comunità Lucana"
Lunedì, 02 Agosto 2021
  Il Premio ha avuto l’indiscusso merito di far assumere alla Basilicata un ruolo importante nel panorama nazionale degli eventi letterari Read More...
Image Inaugurazione Ponte Tibetano: Cupparo, esempio virtuoso di spesa risorse P.O. Val d’Agri
Domenica, 01 Agosto 2021
  "Offriamo alle nostre comunità una nuova opportunità per attrarre flussi turistici specie nelle aree più interne e svantaggiate" Read More...
Image Proposta di legge per la tutela delle persone affette da sindrome spettro autistico
Sabato, 31 Luglio 2021
   Lavori 2^ Commissione Regione Basilicata, audizione Stabile (Lucana Film Commission) Read More...
Image Servizi agro ambientali in aree produttive: approvato un progetto innovativo
Venerdì, 30 Luglio 2021
  Un progetto innovativo che impegna 987 unità (ex beneficiari della Categoria A del Reddito Minimo di Inserimento) Read More...
Image Vertenza Sita, richiesto incontro urgente ai Prefetti di Potenza e Matera
Venerdì, 30 Luglio 2021
  I lavoratori non possono essere usati come merce di scambio, si attende il pagamento della 14esima mensilità Read More...

sponsor

Sponsor