logo bn ultimo

 

In regione un numero preoccupante che si aggira intorno ai 125 mila esemplari

Aumenta la devastazione nelle campagne lucane da parte dei cinghiali, la Cia - agricoltori chiede alla regione Basilicata un impegno più incisivo oltre la risoluzione sulla fauna selvatica, approvata qualche giorno addietro in Commissione agricoltura. I dati restano preoccupanti: la presenza dovrebbe essere contenuta nel massimo di 25 mila a fronte di un numero esorbitante che si aggira intorno ai 125 mila. Un numero fuori da ogni portata e controllo che sta provocando danni alle colture e agli allevamenti. L’organizzazione lucana degli agricoltori, dopo aver presentato una petizione sottoscritta da oltre diecimila persone, è pronta a scendere in campo per nuove e più incise mobilitazioni.

Sul tavolo dell’organizzazione degli agricoltori lucana da tempo ben cinque le priorità su cui discutere: la possibilità data al proprietario di tutelare il proprio fondo; un piano straordinario di gestione e di prelievo dei cinghiali; prolungare il periodo di caccia di questo animale; attivare piani di smaltimento dei capi abbattuti e infine coinvolgere le aziende agricole nei programmi di cattura. “Obiettivi realizzabili, scrive sul proprio sito la Cia Basilicata- semplicemente cercando di adeguare la legge regionale di Basilicata, la numero 2 del 1995, a quanto indicato dalla sentenza della Corte Costituzionale la numero 160 del 23 luglio 2020 a favore della regione Marche”.

 

“Una modifica - fanno sapere dal sito della Cia Basilicata - che permetterebbe la possibilità da parte del proprietario del fondo in possesso di regolare licenza di caccia di tutelare la proprietà fondiaria, le colture e i beni in essa presenti, procedendo anche all’abbattimento dei capi in caso di invasione e aggressione e oggettivo pericolo alle persone; prolungare il periodo di caccia agli ungulati fino a quando non si ristabilisce un equilibrio fra aree destinate alle attività venatorie e la quantità di fauna presente selvaggina presenza”. La questione è seria e bisogna agire presto e bene per questi animali che si organizzano in branchi consistenti ed agguerriti, che distruggono il lavoro di mesi e anni degli agricoltori lucani con risarcimenti pubblici, previste dalle leggi, minimi. Per questo molti proprietari sono costretti ad abbandonare campi e frutteti distrutti.

 

Oreste Roberto Lanza


POLITICAPIU' LETTIULTIMI ARTICOLI

Image Cifarelli (PD): “Basta. È ora che si ritorni alla Politica”
Sabato, 25 Settembre 2021
  "Ci chiediamo quale valore possono avere questi comportamenti senza prima una dichiarazione di ripensamento" Read More...
Image Il Governo Nazionale boccia il Governo Regionale. La presunzione non paga
Venerdì, 24 Settembre 2021
  Norme in materia di energia e Piano di Indirizzo Energetico Ambientale Regionale  Read More...
Image Vertenza ex Auchan, assessore Cupparo: 'La Regione mantiene i suoi impegni'
Venerdì, 24 Settembre 2021
  Sarà pubblicato un Avviso pubblico per dare una risposta ai lavoratori ex Auchan di Melfi Read More...
Image Inaugurato a Viggianello l'Ambulatorio di Reumatologia
Venerdì, 24 Settembre 2021
  Leone: "L'obiettivo della nostra riforma del sistema sanitario è quello di rafforzare la medicina territoriale" Read More...
Image Bardi alla Uil: politica non sia solo gestione del potere. Archiviare il clientelismo
Giovedì, 23 Settembre 2021
  "Basta a una politica attenta solo a poltrone e incarichi, la stagione del clientelismo è alle spalle" Read More...

sponsor

Sponsor