Pronte le modalità di avvio delle attività didattiche in presenza e attivazione del servizio Pedibus

A Matera, mercoledì 19 agosto, alle h. 10:00, nella sala Mandela del Comune di Matera si è svolta la conferenza di servizi per fare il punto della situazione in vista dell’imminente ripresa delle attività didattiche in presenza, a cui hanno partecipato i dirigenti scolastici dei sei istituti comprensivi della città, l’Assessore alle politiche sociali e ai servizi alla persona, alle famiglie e alle scuole, M. Antonicelli e i funzionari dell’Ufficio Scuole e Lavori Pubblici. Alla riunione erano presenti, altresì, i rappresentanti della UISP - comitato territoriale di Matera, che hanno presentato il servizio Pedibus (già sperimentato negli anni scorsi da alcune delle scuole presenti), promosso e sostenuto dal Comune di Matera in collaborazione con la UISP, che per i prossimi due anni scolastici sarà a disposizione degli alunni della primaria dei comprensivi materani. Il Pedibus - costituito da un gruppo di bambini che, accompagnati dagli operatori della UISP ed,eventualmente, da altri volontari (genitori, docenti), raggiungono a piedi la scuola - è apparsa a tutti, inattesa delle nuove regole sul trasporto scolastico urbano, una soluzione utile ed interessante. È un progetto destinato agli allievi delle classi terze, quarte e quinte della scuola primaria ed ha il pregio, in un momento storico complesso come quello attuale, di garantire un trasporto sicuro e autonomo grazie ad un’esperienza di mobilità sostenibile e migliorativa della qualità della vita.

L'iniziativa ha l'obiettivo di educare i più piccoli alla mobilità sostenibile e a stili di vita più sani e di decongestionare il traffico delle strade attigue ai 6 Istituti Comprensivi cittadini. Per informazioni e iscrizioni al Servizio è possibile per le famiglie utilizzare il modulo digitale raggiungibile alseguente link: https://rb.gy/d8fzao

I dirigenti scolastici hanno condiviso le modalità di avvio delle attività didattiche in presenza a partire dal prossimo 14 settembre. Al fine di garantire una ripresa delle attività scolastiche in modo da perseguire il delicato equilibrio tra sicurezza, in termini di contenimento del rischio di contagio, benessere socio emotivo di studenti e lavoratori della scuola, qualità dei contesti e dei processi di apprendimento e rispetto dei diritti costituzionali alla salute e all’istruzione, i Dirigenti scolastici, di concerto con l’Assessore Antonicelli, hanno unanimemente convenuto di rimodulare l’orario didattico tradizionale articolandolo su 5 giorni settimanali in tutti i plessi e in tutti gli ordini di scuola. La soluzione organizzativa risulta, infatti, la più adatta, tra l’altro, a consentire le necessarie operazioni di pulizia e igienizzazione, ormai completamente ed esclusivamente affidate al personale ausiliario interno.

Di seguito, il quadro orario in vigore per le scuole del primo ciclo della città a partire dal 14 settembre 2020:
Scuola dell’infanzia: h. 8:00 - 16:00 dal lunedì al venerdì;
Scuola primaria (tempo normale): h. 8:00 - 13:30 dal lunedì al giovedì; h. 8:00 - 13:00 il venerdì;
Scuola primaria (tempo pieno): h. 8:00 - 16:00 dal lunedì al venerdì
Scuola secondaria (tempo normale): h. 8:00 - 14:00 dal lunedì al venerdì

Scuola secondaria (tempo prolungato): h. 8:00 - termine connesso al monte ore settimanale.
Al fine di evitare assembramenti, nelle scuole del I° ciclo l’ingresso degli allievi avverrà in una fascia temporale aperta (h. 8:00 - 8:20). 

L’uscita delle classi sarà scaglionata e avverrà attraverso una pluralità di vie di esodo. Disposizioni particolari saranno stabilite per i singoli istituti/plessi. L’attivazione del tempo pieno/prolungato sarà naturalmente subordinata all’erogazione del servizio di mensa che, con tutta probabilità, sarà assicurato successivamente alla pausa didattica determinata dallo svolgimento delle elezioni anche di eventuale ballottaggio. La soluzione organizzativa concordata sarà sottoposta alla ratifica nella prima seduta utile del Consiglio di Istituto e sarà meglio precisata, in ragione delle diverse esigenze di ciascun plesso o ordine di scuola nei Regolamenti di istituto.

 

Silvia Silvestri