I dati raccontano l'importante investimento fatto in produzioni culturali originali di carattere internazionale

Matera Capitale Europea della Cultura 2019 è la buona pratica europea selezionata dalla Regione Basilicata nell'ambito del progetto Interreg Europe "Cre: hub Politiche per le Industrie Culturali e Creative: l'HUB per lo sviluppo innovativo regionale" gestito per il tramite dell'Autorità di Gestione del PO FESR 2014-2020. Il percorso di Matera 2019 e il suo impatto sulle industrie culturali e creative è stato presentato oggi nel corso dell'evento online "Cultura e creatività: opportunità, sfide future e scenari di sviluppo" che ha chiuso il progetto. A raccontare tale percorso è stata la Direttrice della Fondazione Matera Basilicata 2019, Rossella Tarantino, in un viaggio attraverso il portale open data di Matera 2019, uno strumento che propone in formato aperto i dati sulla Capitale Europea della Cultura, affinchè possano essere riutilizzati da ricercatori, giornalisti, studenti e generare così nuova cultura. "La gran mole di dati relativi ai servizi ed articoli dedicati a Matera 2019 sui media nazionali e internazionali - ha spiegato Tarantino - ci mostrano quanto il processo della Capitale Europea della Cultura sia riuscito a cambiare l'immagine della città, raccontata oggi come un luogo del Sud in cui tutto può diventare possibile.

I dati raccontano inoltre l'importante investimento fatto in produzioni culturali originali di carattere internazionale, che ha generato degli impatti sia in termini di competenze e relazioni per la scena creativa locale, chiamata a realizzare una parte importante del programma di Matera 2019, sia a livello economico, con effetto spillover non solo sulle industrie culturali e creative, ma anche su altri settori. Questo ci consente di affermare la capacità della cultura di trainare l'economia, e non solo il contrario. Un assunto da tenere ben presente nel momento in cui si potrà far ripartire tutto il comparto culturale, così duramente colpito dalle limitazioni imposte dall'emergenza sanitaria, e che viene rilanciato in questi giorni attraverso le diverse manifestazioni organizzate dai lavoratori dello spettacolo". "La dimensione internazionale del percorso di Matera 2019, insieme a quella del coinvolgimento attivo dei cittadini - ha concluso Tarantino - sono ben esemplificati da uno dei progetti pilastro della Capitale Europea della Cultura, che si candida a diventare una delle sue principali eredità, ovvero l'Open Design School, centro di ricerca e prototipazione aperto alla comunità, basato sull'apprendimento permanente e lo scambio tra professionisti di provenienza e specializzazioni diverse ".