Bennardi: “Pronti ad abbracciare Santo Padre per nuovo messaggio di solidarietà”

Apprendo con enorme piacere che il Papa sarà in visita nella nostra città nel mese di settembre del prossimo anno. Certo di interpretare il sentimento di tutti i concittadini, l’abbraccio di Matera al Santo Padre non potrà che essere intenso e pregno di significato: la semplicità di vita e l’autenticità dell’accoglienza hanno permeato intere generazioni. Matera, che nella sua storia ha accolto culture, popoli e religioni diverse, e proprio in un momento in cui le vicende internazionali mostrano quanto non si possa essere indifferenti alle sorti dell’umanità in ogni latitudine, vuole trarre ulteriore forza dall’arrivo del Papa per adottare forme di accoglienza che vadano oltre l’emergenza, e che siano invece struttura e consapevolezza diffusa nella comunità.

Con l’arrivo di Francesco, Matera potrà nuovamente inviare un messaggio di solidarietà al resto del mondo, in occasione di un incontro sinodale – le celebrazioni eucaristiche per il 30° anniversario della visita di Papa Giovanni Paolo II in Basilicata – che assume valenza di politica internazionale. Al vescovo della Diocesi di Matera-Irsina, monsignor Antonio Giuseppe Caiazzo, il ringraziamento mio e della città per avere – nel corso dell’udienza privata dal Santo Padre – propiziato la visita papale del 2022.