logo bn ultimo

 

Aldo Mattia: “Costretti a chiudere un mercato molto apprezzato da cittadini e turisti per trasferirci altrove”

A Matera nelle ultime settimane diversi operatori hanno già deciso di abbandonare la struttura del mercato coperto di Campagna Amica. All’origine della decisione, alcuni provvedimenti adottati dalla giunta comunale materana in tema di viabilità, in particolare: il ripristino del doppio senso di circolazione in via Pasquale Vena, nel tratto compreso tra via Serrao e la rotatoria di via delle Tamerici e l’eliminazione dei parcheggi a disco orario (30 minuti) che l’Amministrazione comunale aveva deciso di introdurre lo scorso 7 luglio. Questi elementi, secondo gli operatori, hanno fatto riemergere delle criticità in merito alla sicurezza della circolazione, a causa del parcheggio selvaggio ma soprattutto hanno prodotto pesanti penalizzazioni per le attività commerciali presenti nella zona, compreso il Mercato Coperto di Campagna Amica.

“Abbiamo deciso di chiudere e trasferire altrove il mercato coperto di Campagna Amica perché l’assenza dei parcheggi temporanei ha scoraggiato i clienti della struttura che ormai è desolatamente vuota”. E’ quanto annuncia la Coldiretti nel corso di una conferenza stampa svoltasi questa mattina a Matera. “I mercati di Campagna Amica sono luoghi nei quali i produttori agricoli si impegnano alla vendita diretta dei loro prodotti a chilometro zero ed a prezzi equi – ha spiegato il presidente provinciale della Coldiretti, Gianfranco Romano – quello di Matera è stato aperto nel 2019 in via Vena, è presente ogni venerdì e sabato ed ha coinvolto fino ad ora 30 aziende, e oltre 100 dipendenti”.

 

La Giunta comunale con una delibera del 9 settembre scorso, se da un lato ha voluto ribadire il valore economico, sociale ed ambientale del mercato coperto, non ha indicato chiaramente come contemperare le esigenze delle imprese e quelle della viabilità, nonostante “La Coldiretti aveva chiesto al sindaco Bennardi ed alla sua Giunta di prevedere una nuova disciplina del traffico in quell’area prevedendo la istituzione di sensi unici di marcia temporanei in occasione del Mercato – ha precisato Romano – e la creazione di nuovi parcheggi in zona in modalità disco orario 30 minuti, al fine di consentire una rapida e continua rotazione dei posti disponibili, durante le ore di apertura al pubblico del mercato e degli altri esercizi commerciali presenti nella zona”. Il direttore regionale della Coldiretti, Aldo Mattia sottolinea che “Urge più che mai un cambio di passo da parte dell’Amministrazione comunale che dia certezza sulla natura dei provvedimenti che si intendono adottare e sui tempi di attuazione. Di certo - ad oggi - c’è solo che saremo costretti a chiudere un mercato molto apprezzato da cittadini e turisti e a trasferirci altrove”.