"I lavori dovrebbero terminare, condizioni climatiche permettendo, nel giro di un paio di mesi"

“I cittadini devono pazientare un altro po’, perchè stiamo intervenendo su un’arteria di vitale importanza, dove ci sono numerose cavità che creano infiltrazioni di acqua”. Sono queste le parole del sindaco di Senise, Giuseppe Castronuovo che, interpellato sui lavori che riguardano corso Vittorio Emanuele, ha dato una precisa spiegazione del prolungato cantiere da diverso tempo. “L’amministrazione comunale – prosegue il sindaco - con fondi propri, aggiunti a quelli di Acquedotto Lucano, ha potenziato la raccolta delle acque bianche, aggiungendo in alcuni punti del corso una seconda canna di raccolta, per smaltire le acque che provengono dal centro storico ed evitare così fiumi di acqua durante le abbondanti piogge.

Inoltre, si stanno canalizzando tutte le acque prevenienti dai pluviali privati, cercando di preservare tutte le cavità antropiche che sono presenti sotto il manto stradale e che causano numerose infiltrazioni ai privati. I lavori sono ripresi ad inizio mese come concordato ed ora, dopo lo smantellamento della vecchia pavimentazione, ad inizio settimana inizierà la posa della seconda parte di pavimentazione del corso che arriverà fin davanti il complesso monumentale di San Francesco. I lavori – precisa il sindaco Castronuovo - dovrebbero terminare, condizioni climatiche permettendo, nel giro di un paio di mesi. Una cosa è certa, corso Vittorio Emanuele lo renderemo ancora più bello e ci auguriamo che chi ha intenzione di investire con l’apertura di nuove attività commerciali lo possa fare nel più breve tempo possibile.

L’amministrazione – termina il sindaco - comprende i disagi per i commercianti ma purtroppo questo tipo di lavori, così complessi, richiedono del tempo”. Un’altra novità riguarda delle somme in bilancio, circa diecimila euro, per chi ha intenzione di cambiare i discendenti delle abitazioni private in modo da migliorare l’estetica del corso. Infine, sono state predisposte anche delle caditoie per la raccolta delle acque in direzione di corso Garibaldi, in previsione del prossimo intervento anche su quel tratto di strada.

 

Claudio Sole