logo bn ultimo

 

Una mostra interessante che resterà aperta dal 18 novembre fino al 28 febbraio 2023

Sabato 19 novembre 2022 alle ore 18.00 Il MIG. Museo Internazionale della Grafica – Biblioteca Comunale “Alessandro Appella”, proseguendo il suo lavoro di informazione e divulgazione di uno dei linguaggi più esaltanti della storia dell’arte, dopo la mostra inaugurale “Per una storia della grafica europea del Novecento” (Alechinsky, Appel, Assadour, Avati, Arp, Bartolini, Bellmer, Braque, Burri, Bissiere, Bazaine, Beuys, Bill, Campigli, Campendonk, Chagall, Carrà, Ciarrocchi, Castellani, Cerone, Corneille, Chadwick, Clavé, Capogrossi, Consagra, De Chirico, Dix, Dalì, De Pisis, Dine, De Segonzac, Dubuffet, Dorazio, Delaunay, Ensor, Ernst, Fontana, Felixmuller, Fautrier, Fazzini, Feininger, Fuchs, Friedlaender, Gentilini, Goetz, Grosz, Hockney, Hartung, Heckel, Jorn, Kandinskij, Klee, Kolar, Kollwitz, Kounellis, Kubin, Léger, Lardera, Maccari, Marino, Music, Manessier, Manzù, Matta, Masson, Man Ray, Magnelli, Melotti, Michaux, Mirò, Mondrian, Morandi, Moore, Napoleone, Novelli, Ortega, Picasso, Piza, Poliakoff, Prampolini, Perilli, Raphaël, Richter, Rotella, Savelli, Savinio, Spacal, Soulages, Severini, Sutherland, Scialoja, Schmidt-Rottluff, Strazza, Tapies, Tobey, Vieira Da Silva, Vallotton, Bram Van Velde, Viviani, Vespignani, Villon, Veronesi, Vasarely, Zadkine) e le personali di Daumier, Degas, Renoir, Bonnard, Bernard, Matisse, Dufy, Picasso, Mirò, Calder, Ben Shann, Secessione di Berlino, Pechstein, Zadkine, Marcoussis, Assadour, Richter, Arp, Breton, De Chirico/Apollinaire, Henri Goetz, Azuma, Messagier, Bram van Velde, Steinberg, Dubuffet, “École de Paris 1920-1965 e la libertà dell’arte”, Del Pezzo, Mascherini, Bartolini, Marino, Guarienti, Rotella, Fazzini, Gentilini, Strazza, Accardi, Ciarrocchi, Consagra, Melotti, Maccari, Bucci, Perilli, Raphael, Viani, Venna, Vedova, Scialoja, Della Torre, Bruscaglia, inaugura la mostra “José Ortega e Castronuovo Sant’Andrea 1966-1989” che, riallacciandosi alla precedente dedicata alla “Scuola di Parigi e la libertà dell’arte”, cioè a una città divenuta il crogiolo della creatività del mondo e della quale Ortega si nutrì, riassume la lunga amicizia dell’artista con lo storico dell’arte Giuseppe Appella e con il suo paese d’origine, dal 24 aprile 1966 (primo incontro a Parigi, per una incisione trovata a Porta Portese) al 28 agosto 1989 (quando, insieme a Francesco Sisinni, si reca a Bosco, in vista di una possibile mostra antologica alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma). La bella giornata cilentana, suggellata dal dono di una tavoletta di cm 20×25 (“Raccoglitrici di castagne”), preparò al lavoro degli ultimi mesi dell’anno, presto interrotto dalla malattia dell’artista che scomparirà a Parigi il 24 dicembre 1990.

La mostra, che prelude al trasferimento del MIG e della Biblioteca nel Castello Marchesale e alla sistemazione dell’intero Polo museale, accoglie i 123 disegni preparatori per i cicli “Passarono” e “Morte e nascita degli innocenti” (1968-1970) nati dalla convinzione che “Ci sono momenti nella vita dei popoli in cui gli artisti sentono che un’arte di contenuto rivoluzionario è una necessità” e le terrecotte, legate a questi cicli, realizzate a Matera nel 1974-1976. Terrecotte e disegni poi confluiti in due libri di Appella, pubblicati da Vanni Scheiwiller: “Terrecotte di Ortega” il 10 dicembre 1977 (le prime 99 copie con una terracotta numerata e firmata), “Disegni di Ortega” il 27 febbraio 1981, presentato da Cesare Zavattini a Roma il 3 marzo 1981, nella Galleria Il Millennio fondata da Leonardo Sinisgalli. Un terzo libro, d’artista, “Triangolo d’acqua”, con tre poesie di Mario Trufelli, una testimonianza di Libero De Libero e una ceramica di Ortega, tirata in 110 esemplari, usciva intanto nel 1976 all’insegna de L’Arco-Scheiwiller e veniva presentato a Potenza e a Castronuovo, presenti anche Maccari, De Libero e gli altri amici scesi da Roma. Fondamentali, per il prima e il dopo dei disegni e delle terrecotte, le opere grafiche, innovative di un linguaggio non solo immerso nelle tecniche più avanzate apprese durante l’alunnato parigino nell’Atelier Friedlaender; i libri d’artista: “Les Moissonneur” (Parigi-New York 1966, con otto litografie originali stampate da Desjobert, appena uscito quando Appella lo incontra a Parigi), “Proverbes et Chansons” di Antonio Machado (Parigi 1968), “Poemes Majeurs” di Jean de la Cruix (Parigi 1970), “Spagna mia diletta”. Lirici spagnoli del ‘900 (Libri Scheiwiller, Milano 1980), “Crescita di luce” di Paolo Cristiano uscito con L’Arco/Roma nel 1983, arricchita da 1 acquaforte realizzata en plein air il 2 agosto 1980, in una giornata indimenticabile trascorsa nel bosco di Castronuovo, “Sella del Titolo”, insieme alla moglie Dina, alla famiglia Palumbo venuta da Matera e ai tanti castronovesi che avevano fatto di Ortega un loro concittadino. Di non minore importanza i manifesti per le mostre dedicate alla Edizioni di Vanni Scheiwiller, a Roma (Studio Internazionale d’Arte Grafica L’Arco, 1974) e a Parigi (Centre Pompidou, 1981), avendo a fianco L’Arco Edizioni d’Arte Roma, con serate memorabili nei rispettivi studi dell’artista dove confluiranno i più bei nomi della cultura internazionale.

 

Castronuovo, proprio come per Sinisgalli, Consagra, Maccari, Scheiwiller, Strazza, Carlo Belli, Cetrangolo, Adamesteanu, Mazzarone, Giovanni Russo, Giulia Napoleone, Pierro, Bonaviri, Pugliese Carratelli, Fonseca, Bronzini, Goetz, Raphael, Perilli, Scialoja, diventa per Ortega un “piccolo paese che si ascolta, insegue le stagioni, tra ulivi, grano e vigne, ginestre, cardi e rovi carichi di more, querce, castagni e noci, propri della Lucania semplice e genuina dove la passionalità-religiosità sono i poli di un mondo popolare che raccoglie da secoli folclore e storia. E ama l’arte. Perciò è una realtà in movimento”.