logo bn ultimo

 

Al via la seconda edizione dell’evento. La città si candida a Capitale Italiana della Cultura

Dopo la prima edizione dello scorso anno, il 29 e 30 agosto prossimi, torna a Moliterno il Festival dell’800. La cittadina della Val d’Agri, che da poco ha avanzato la propria candidatura a Capitale Italiana della Cultura con i suoi musei e il coinvolgimento di tutta l’Alta Val d’Agri, si apre a studiosi, storici, ricercatori, studenti e appassionati per diventare punto di riferimento di quanti studiano il XIX secolo.

Nel paese che ha dato i natali a Ferdinando Petruccelli della Gattina, figura di primo piano nel panorama storico e culturale dell’Ottocento, una due giorni ricca di appuntamenti che si snoderà tra il giardino del Convento Francescano di Santa Croce e l’atrio del Castello Medievale.
“Con questa seconda edizione del Festival dell’800 si consolida il percorso di valorizzazione e promozione di Moliterno – afferma il sindaco Antonio Rubino - La valorizzazione degli studi storici, grazie al contributo prezioso della Regione Basilicata, permette di approfondire e promuovere la conoscenza di figure come quella Ferdinando Petruccelli della Gattina, Giacomo Racioppi, Michele Tedesco, Giuseppe Parisi che sono stati grandi dell’800 e oggi possono contribuire a rilanciare Moliterno nel panorama culturale nazionale. L'800 Moliternese è ormai un "marchio" che oltre ad essere identità, diviene uno strumento per creare nuove opportunità di conoscenza, di sviluppo, di crescita della comunità”.

La prima edizione del Festival è stata una operazione culturale di alto livello che ha incrociato partner di grandissimo rilievo, l'edizione 2022 continua su questa strada riuscendo a coniugare lo studio della storia, la valorizzazione del territorio e la divulgazione.
Lunedì 29 si comincia con la presentazione del libro di Alessandro Bonvini “Risorgimento Atlantico – I patrioti italiani e la lotta internazionale per le libertà”; a seguire Conversazioni di Storia sul tema “Il Regno di Napoli e il mondo lusitano ai tempi dell’indipendenza del Brasile: tra diplomazia ed esilio politico”; infine un omaggio al prof. Antonio Coppola con la presentazione degli “Atti del convegno su Ferdinando Petruccelli della Gattina”. La serata del 30 agosto è interamente dedicata allo scrittore e giornalista Ferdinando Petruccelli della Gattina. Il programma prevede una visita al Museo dell’Ottocento Lucano – Michele Tedesco e la presentazione del libro di Antonio Sanchirico “Don Ferdinando. Ferdinando Petruccelli e l’età che fu sua”; a seguire l’aperitivo letterario con la presentazione della riedizione del romanzo “Il Sorbetto della Regina” e infine la rappresentazione teatrale su riadattamento de “Le Memorie di Giuda” con la partecipazione dell’attore Giovanni Franzoni.

Il Festival è organizzato dal Comune di Moliterno, in collaborazione con l’Associazione culturale “Ferdinando Petruccelli della Gattina” e con il sostegno dell’Istituto per la storia del Risorgimento Italiano e l’Associazione Italiana di Public History.