logo bn ultimo

 

Progetto realizzato grazie al contributo del Dipartimento Sanità della Regione e dell'ASP 

“Si svolgerà lunedì 14 novembre, nella Sala B del Consiglio Regionale di Basilicata, a partire dalle ore 10.00 l’iniziativa nella quale verrà illustrato il resoconto del Progetto Diabete coast to coast” - è quanto dichiara in una nota il Presidente dell’associazione lucana assistenza diabetici Antonio Papaleo. “Quale occasione migliore come quella della Giornata Mondiale del Diabete - prosegue la nota - per mettere in evidenza il lavoro svolto da giugno fino a fine ottobre dalla nostra associazione grazie ai tanti volontari e operatori sanitari impegnati su tutto il territorio regionale per la forte azione di screening effettuata sulla popolazione”.

Il Progetto ha interessato 16 Comuni interni della regione, partendo dal Tirreno e raggiungendo lo Jonio, laddove si sono effettuatati screening ai Cittadini residenti riferiti al Diabete e al Cuore. Dopo i saluti dei Rappresentanti Istituzionali e dell'Associazione seguirà la presentazione dei risultati dell'indagine a cura di Loredana Albano- Responsabile del Progetto realizzato grazie al contributo del Dipartimento Sanità della Regione e dell'ASP e con il patrocinio di diverse Associazioni di Pazienti cronici, aziende private e altri diversi Organismi. “Un Progetto che ha trovato grande disponibilità delle Civiche Amministrazioni interessate in quanto è stato possibile evidenziare l'importanza che riveste l'attenzione da prestare alle popolazioni residuali residenti nelle aree più interne in termini di assistenza e cura, stante la notevole presenza di persone anziane e fragili e, pertanto, più in difficoltà a spostarsi verso i Centri Sanitari” – prosegue Papaleo. “Da qui l'importanza di una Assistenza Sanitaria che sappia essere meglio rispondente alle aspettative, semmai in una logica di “Meno Ospedale e Più Territorio”, accelerando la realizzazione degli Ospedali e della Case di Comunità che non siano semplici contenitori ma che sappiano corrispondere alle esigenze di una sempre migliore e tempestiva risposta di cura, semmai con gli Infermieri di Comunità, oltre che con una diversa governance delle Farmacie specie rurali; inoltre, si è avvertita quanto utile può e deve essere una diffusa e praticata implementazione dello strumento della Telemedicina” – conclude il Presidente ALAD.

Si sollecita la presenza all'iniziativa del 14 p.v. degli Organi di Informazione al fine di poter far transitare in modo adeguato e diffuso i dati raccolti in questo importante Tour che andrebbe riproposto in maniera ampia per evitare che tanti “fragili” si lascino andare senza prestare attenzione alla propria salute; così come bisognerebbe che si possano promuovere vere e proprie Campagne di Prevenzione al fine di evitare, per quanto possibile, l'insorgenza di una malattia asintomatica quale il Diabete.