logo bn ultimo

 

Il primo progetto di legge, presentato in Senato, nel 1969 l’istituzione, nell’ambito della legge 219/1981

Sulla storia, la costituzione e lo sviluppo dell’Università di Basilicata si è detto poco, meglio non si è raccontato abbastanza. Esiste un profilo storico di questa importante istituzione lucana su cui nessuno aveva delineato gli aspetti più rilevanti e importanti. Ora è possibile con il volume – “l’Università degli studi di Basilicata. Per un profilo storico scritto dal professore Antonio Lerra, ordinario di storia moderna all’Unibas, Presidente della Deputazione di Storia Patria per la Lucania. Il libro, oltre duecento pagini divisi in cinque capitoli, è un percorso, dal quale ben emergono connotazioni portanti del profilo storico di un Ateneo, quale quello della Basilicata, che, pur tra non pochi, iniziali, precondizionamenti strutturali e di servizi e progressive restrizioni finanziarie statali, è riuscito non solo a salvaguardare ed a tenere alti i livelli della sua attività scientifica e dell’offerta didattica, ma a svolgere e sviluppare un sempre più attivo e diffuso ruolo nel quadro del sistema universitario italiano ed internazionale.

Il professore Lerra riesce a contestualizzare seguendo diverse tappe: il primo progetto di legge, presentato in Senato, nel 1969, alla concretizzazione della sua istituzione, nell’ambito della legge 219/1981 sulla ricostruzione delle aree colpite dal tragico terremoto del 1980, all’avvio e sviluppo delle sue attività scientifiche e didattiche, dall’inaugurazione del primo anno accademico, 1983-84, a quello del 2019-20. Un’istituzione che nasce seguendo un binomio preponderante. ricostruzione e sviluppo principio fondamentale della stessa legge 219. Uno spaccato storico di una istituzione punto diventata fermo di un territorio cresciuto, in tanti anni, con l’opera e l’impegno di dotti professori e ricercatori diventati risorsa di eccellenza a livello nazionale ed internazionale. Un ateneo, quello lucano, che continua a rivestire, tra i piccoli, un ruolo rilevante e significativo e che è di auspicio per le prossime tappe da affrontare non ultima quella dell’avvio dell’anno accademico 2021/2022 della facoltà di medicina. Il libro del professore Lerra va letto attentamente anche per la presenza di una mirata appendice documentaria, nell’obiettivo di meglio far cogliere il progressivo ed articolato sviluppo dell’Ateneo, insieme con la portata e l’incidenza di ruoli e funzioni esercitati a livello di interrelazioni istituzionali e sul territorio.

 

Oreste Roberto Lanza


ULTIMI ARTICOLIPIU' LETTITAG POPOLARI

sponsor

Sponsor