logo bn ultimo

 

Creare una zona “cuscinetto” all’interno della propria abitazione, per lasciare il virus fuori e tutelare se stessi

Con l’inizio della fase 2 molti di noi hanno ricominciato a lavorare, c'è chi è costretto a stare fuori casa tutto il giorno, chi si concede una passeggiata all’aria aperta e chi deve comunque uscire per fare acquisti. Francesco Puoci, professore associato di tecnologia farmaceutica presso l’UNICAL di Cosenza, ha stilato un elenco di indicazioni e precauzioni per creare una zona che chiama “cuscinetto” all’interno della propria abitazione, per lasciare il virus fuori e tutelare se stessi e gli altri membri della famiglia. Anche se i contagi stanno diminuendo, è necessario essere vigili ed evitare situazioni di contagio, specialmente in questa fase 2. Ecco alcuni facili accorgimenti che il Professore ha redatto:

1) Individuare una zona della casa, per esempio l’ingresso che dovrà essere sanificata con frequenza e attenzione. Per esempio disinfettare le maniglie d’ingresso con soluzioni a base di candeggina diluita, acqua ossigenata o alcol.

2) Lavare spesso il resto della casa con detergenti normali e areare le camere il più possibile.

 

Allestire nella zona cuscinetto una scarpiera dove riporre le scarpe e un portabiancheria per riporre i panni della giornata. Su un mobile usare un porta oggetti in cui riporre ciò che si è maneggiato all’esterno. Sempre vicino all’ingresso mettere un cestino dei rifiuti per gettare guanti e mascherine usa e getta. Come si entra in casa, una volta gettati guanti e mascherina, igienizzare le mani con gel disinfettante. Se si torna dalla spesa, sarebbe opportuno disinfettare i pacchi con alcol o disinfettanti, anche se al momento non si hanno certezze della durata del virus sugli imballaggi, è una precauzione da adottare.



Il Professor Puoci consiglia anche una zona quarantena per i pacchi che abbiamo ordinato su internet e ci hanno portato i corrieri. Meglio lasciarli un pò all’aria aperta prima di aprirli. L’esempio che ci porta il Professore è quello adottato da aziende biomediche, per evitare rischi di contaminazione, ovviamente rimodulato al contesto familiare e abitativo. Adesso più che mai dobbiamo stare attenti, il virus è sempre dietro l’angolo in agguato pronto a colpire.

 

Valentina Scriva

 


POLITICAPIU' LETTIULTIMI ARTICOLI

Image Rifugiati: pronta "abitazione della pace" a Scanzano Jonico
Martedì, 03 Agosto 2021
  La struttura è composta da tre abitazioni raccolte attorno ad un cortile centrale Read More...
Image Premio Letterario Basilicata, Cupparo: "Orgoglio per comunità Lucana"
Lunedì, 02 Agosto 2021
  Il Premio ha avuto l’indiscusso merito di far assumere alla Basilicata un ruolo importante nel panorama nazionale degli eventi letterari Read More...
Image Inaugurazione Ponte Tibetano: Cupparo, esempio virtuoso di spesa risorse P.O. Val d’Agri
Domenica, 01 Agosto 2021
  "Offriamo alle nostre comunità una nuova opportunità per attrarre flussi turistici specie nelle aree più interne e svantaggiate" Read More...
Image Proposta di legge per la tutela delle persone affette da sindrome spettro autistico
Sabato, 31 Luglio 2021
   Lavori 2^ Commissione Regione Basilicata, audizione Stabile (Lucana Film Commission) Read More...
Image Servizi agro ambientali in aree produttive: approvato un progetto innovativo
Venerdì, 30 Luglio 2021
  Un progetto innovativo che impegna 987 unità (ex beneficiari della Categoria A del Reddito Minimo di Inserimento) Read More...

sponsor

Sponsor