logo bn ultimo

 

L’importo di investimento complessivo è di 1 miliardo e 300 milioni di euro

Anas e il contraente generale (webuild -Sirjio) dimostrano sul campo che i lavori del terzo megalotto Roseto-Sibari sono iniziati e non da ora, ma dal maggio del 2020. Quasi una risposta a chi mette in dubbio l’esistenza dei lavori e la cantierizzazione degli stessi. Escono fuori allo scoperto, senza tentennamenti, i responsabili di Anas e del Contraente Generale Sirjo. Presenti a un incontro tenuto ieri con l’informazione: il Responsabile della Struttura Territoriale Calabria Francesco Caporaso, il Responsabile Nuove Opere Silvio Canalella, l’Ing. Salvatore Lieto Amministratore delegato e progettista del Contraente Generale. Un incontro voluto dagli organizzatori al fine di documentare e rendicontare. E non sarà l’ultimo, da quanto fanno sapere. Le tratte visitate sono quelle relative ai cantieri in prossimità della Statale 534 di Cammarata e degli Stombi, di Trebisacce e di Roseto Capo Spulico, dove si ricollegherà alla statale già ammodernata a due corsie per senso di marcia. 160 milioni di euro spesi pari al 16% (sulla base dell’importo di affidamento dei lavori di 970milioni di euro) delle attività previste dal cronoprogramma. L’importo di investimento complessivo è di 1 miliardo e 300 milioni di euro. Capitolo “espropri” completamente definito e le aree sono nella disponibilità del contraente generale per l’esecuzione dei lavori, a parte qualche singolo caso.

Previste tre galleria naturali, la più complessa quella di Trebisacce.
Sono 14 le aree cantierizzate e una struttura base a cui i lavoratori impegnati nelle opere di costruzione si rivolgono per le attività di ristoro, mensa, e pernottamento. 38 chilometri di tragitto, che attraversa 8 comuni dell’alto jonio cosentino (Cassano, Cerchiara, Francavilla, Villapiana, Trebisacce, Amendolara, Albidona, Roseto). Il progetto è suddiviso in due lotti, nord-sud ( Sibari-Trebisacce 0-18 km – Trebisacce-Roseto 18 km fine lotto). Due carreggiate composte da due corsie di marcia e una banchina a destra e a sinistra. Il costo maggiore è assorbito dalla realizzazione delle gallerie naturali (tre): 238 milioni di euro. E una di queste è quella di Trebisacce, la più spigolosa e con le maggiori criticità. Qui, durante l’espletamento dei primi lavori sono stati rinvenuti degli scavi archeologici che, l’impresa, sarà costretta a spostare in altra sede. E tutto questo ha prodotto circa un anno di ritardo tra autorizzazioni e nullaosta. Sono previste anche gallerie artificiali (11) per un costo pari a 191 milioni di euro e viadotti (15) per 187 milioni di euro.

 


POLITICAPIU' LETTIULTIMI ARTICOLI

Image Inaugurazione Ponte Tibetano: Cupparo, esempio virtuoso di spesa risorse P.O. Val d’Agri
Domenica, 01 Agosto 2021
  "Offriamo alle nostre comunità una nuova opportunità per attrarre flussi turistici specie nelle aree più interne e svantaggiate" Read More...
Image Proposta di legge per la tutela delle persone affette da sindrome spettro autistico
Sabato, 31 Luglio 2021
   Lavori 2^ Commissione Regione Basilicata, audizione Stabile (Lucana Film Commission) Read More...
Image Servizi agro ambientali in aree produttive: approvato un progetto innovativo
Venerdì, 30 Luglio 2021
  Un progetto innovativo che impegna 987 unità (ex beneficiari della Categoria A del Reddito Minimo di Inserimento) Read More...
Image Vertenza Sita, richiesto incontro urgente ai Prefetti di Potenza e Matera
Venerdì, 30 Luglio 2021
  I lavoratori non possono essere usati come merce di scambio, si attende il pagamento della 14esima mensilità Read More...
Image In Basilicata pronti a vaccinare giovani e ragazzi fra i 12 e i 19 anni
Giovedì, 29 Luglio 2021
  A Chiaromonte e Maratea tamponi per la campagna "Turismo Covid-free". Si prepara il ritorno a scuola in sicurezza Read More...

sponsor

Sponsor