logo bn ultimo

 

La cantante, ballerina, conduttrice, attrice, autrice, regina della TV si è spenta alle 16.20 di oggi lunedì 5 luglio

Raffaella Carrà il cui vero nome era Raffaella Maria Roberta Pelloni è nata a Bologna il 18 giugno del 1943 e aveva iniziato la sua sterminata carriera nel mondo dello spettacolo alla sola età di 9 anni nel 1952. All’età di 78 anni ci lascia una delle più grandi showgirl italiane. La cantante, ballerina, conduttrice, attrice, autrice, regina della TV si è spenta alle 16.20 di oggi lunedì 5 luglio come ha comunicato alla stampa Sergio Japino, regista di tutti i suoi spettacoli e, per lunghi anni, suo compagno, a causa di una malattia che ha spiegato Japino «da qualche tempo aveva attaccato quel suo corpo così minuto eppure così pieno di straripante energia.

Una forza inarrestabile la sua, che l’ha imposta ai vertici dello star system mondiale, una volontà ferrea che fino all’ultimo non l’ha mai abbandonata, facendo si che nulla trapelasse della sua profonda sofferenza. L’ennesimo gesto d’amore verso il suo pubblico e verso coloro che ne hanno condiviso l’affetto, affinché il suo personale calvario non avesse a turbare il luminoso ricordo di lei». «Raffaella ci ha lasciati.

È andata in un mondo migliore, dove la sua umanità, la sua inconfondibile risata e il suo straordinario talento risplenderanno per sempre» ha dichiarato Sergio Japino unendosi al dolore degli adorati nipoti Federica e Matteo, di Barbara, Paola e Claudia Boncompagni, degli amici di una vita e dei collaboratori più stretti. Nella nota all’Ansa, Japino descrive Raffaella Carrà come una «donna fuori dal comune eppure dotata di spiazzante semplicità, non aveva avuto figli ma di figli — diceva sempre lei — ne aveva a migliaia, come i 150mila fatti adottare a distanza grazie ad “Amore”, il programma che più di tutti le era rimasto nel cuore». Non è ancora noto quando o dove, si svolgeranno i funerali. Si sa che nelle sue ultime disposizioni, Raffaella ha chiesto una semplice bara di legno grezzo e un’urna per contenere le sue ceneri.

 

Silvia Silvestri