Premio città di Martina Franca a Enrico Bertolino, quello della critica al gruppo Tracataiz

Premio della critica al gruppo Tracataiz al barese Daniela Condotta la coccarda d’argento come vincitore della 25 esima edizione. Questi i verdetti che la giuria ha emesso per il Festival del Cabaret. Un festival che ha saputo onorare molto bene il suo quarto di secolo di vita, punto di riferimento della promozione territoriale estiva, luogo di avanguardia del cabaret italiano. Appuntamento iniziato con alcune giornate di anticipo, rispetto alla programmazione del 27, 28 e 29 agosto, con l’arrivo, il 19 agosto del gruppo napoletano “I Ditelo Voi”, trio comico napoletano formatosi nel 1995, composto da Francesco De Fraia Domenico Manfredi e Raffaele Ferrante, il 22 agosto Gabriele Cirilli, comico e cabarettista di Sulmona, e il 24 agosto del gruppo barese della Rimbamband. Nell’atrio dell’Ateneo Bruni, location diventata storica per questo importante evento, ha preso piede la tradizionale gara tra le nuove leve della comicità italiana, ben 12 concorrenti, accompagnate dal solito nutrito numero di ospiti che hanno arricchito e dato lustro a un programma davvero importante.

Sotto la regia perfetta dei conduttori, il tarantino Mauro Pulpito (alla sua diciannovesima edizione) e la milanese Debora Villa, tra ricordi e saluti, si sono alternati giovani comici ecclettici, effervescenti i quali con storie e pensieri del nostro vecchio paese sono riusciti a regalare al pubblico non solo martinese, un sorriso e tanti applausi veramente meritati. In una cornice di colori e luci, gli ospiti hanno saputo regalare un profilo di grande maturità. Nella serata d’inizio, tra il luccichio delle stelle che facevano capolino ecco arrivare sul palco il siciliano Roberto Lipari, vincitore di diversi e premi, attualmente monologhista su Striscia la Notizia, cabarettista garbato ed intelligente, ha ben saputo intrattenere la platea con temi sociali affrontati con graffiante ironia e con una morale che fa riflettere. Emozionante il suo finale a proposito della pandemia: “spero che questa favola si possa raccontare un giorno dicendo, c’era una volta…. Applausi a scena aperta. Sabato 28 sul palco un altro Big della comicità nazionale, il barese Alessio Giannone, noto con lo pseudonimo di Pinuccio personaggio televisivo e youtuber italiano, inviato di Striscia la Notizia, voce della nuova satira italiana che attraverso i suoi racconti ha lanciato al pubblico un messaggio di ribellione comica di fronte all’angoscia, alla tristezza e alla malinconia della vita.

Pensieri e racconti per dire che la nostra realtà e tragica solo per un quarto, il resto è comico. A Salire sul palco nella serata finale, il milanese Enrico Bertolino, artista poliedrico con una ricca carriera partita proprio dalla partecipazione a diversi festival della comicità, premio città di Martina Franca e il napoletano Francesco Cicchellacantante e imitatore impostosi al grande pubblico grazie alla trasmissione su Rai2 “Made In Sud”, vincitore diun’edizione di “tale e quale show”. Applausi ripetuti per i due famosi cabarettisti. Sullo sfondo interviste,aneddoti, curiosità e incursioni nel dietro le quinte, riprese dal bravo comico tarantino Vincenzo Albano con la sua telecamera e il programma “comic Tube 2.0”. Ora l’attenzione passa sull’edizione 2022 che dovrà raccontare una svolta. Ci vuole un tocco di magia vero e autentico: salire sulla nave delle reti televisive nazionale potrebbe essere un inizio.

 

Oreste Roberto Lanza