logo bn ultimo

 

Con i fondi del Po Fesr sarà possibile incrementare la fornitura di beni e servizi

Incrementare la strumentazione sanitaria, acquistare medicinali, servizi di analisi e trattamento, e-healt, dispositivi di protezione, dispositivi medici e, dove è necessario, adeguare le strutture sanitarie già adibite o da adibire per affrontare l’epidemia Coronavirus. Con questi obiettivi la giunta regionale ha dato il via libera all’operazione denominata “Potenziamento dei servizi sanitari destinati all’emergenza Covid-19”, garantendo la possibilità finanziare le spese che, a partire dal 1 febbraio 2020, il sistema sanitario regionale e la Protezione civile hanno affrontato e affronteranno, includendo anche gli investimenti sostenuti nei plessi ospedalieri. Il fondo disponibile è di sei milioni di euro a valere sul Po Fesr Basilicata 2014-2020 (asse 7). Lo stanziamento è stato possibile grazie alla riprogrammazione del Programma Fesr 2014/2020 a seguito dell’intensa interlocuzione con le Amministrazioni centrali e i Servizi della Commissione che hanno consentito di utilizzare risorse Fesr per fronteggiare la emergenza da Covid-19.

 

 

L’obiettivo da perseguire, dunque, è quello rinforzare la capacità di risposta del sistema sanitario regionale, fornendo a medici, infermieri e a tutto il personale impegnato ad assistere le persone contagiate dal coronavirus dispositivi di protezione individuale, quali mascherine chirurgiche, FFP2 e FFP3, guanti, occhiali protettivi, tute di protezione, camici e soluzione idroalcolica in litri. Sarà incrementata anche la fornitura di tamponi rinofaringei per individuare e monitorare i casi positivi. E, inoltre, letti di degenza per terapia intensiva e letti di degenza ordinaria, dispositivi medici per la terapia intensiva e sub-intensiva, ventilatori polmonari ad alta complessità per terapia intensiva (aria compressa) e sub-intensiva (turbina), monitor multiparametrici, anche da trasporto, pompe infusionali per farmaci e peristaltiche per nutrizione enterale, accessori per ventilatori polmonari. Sarà possibile fornire le strutture sanitarie anche di apparecchiature elettromedicali, dispositivi e servizi connessi, quali aspiratori elettrici, centrale di monitoraggio per terapia intensiva, ecografi portatili, elettrocardiografi, tomografo computerizzato nonché di umidificatori, carrelli di emergenza, caschi Cpap e caschi Niv.

 


POLITICAPIU' LETTIULTIMI ARTICOLI

Image Cifarelli (PD): “Basta. È ora che si ritorni alla Politica”
Sabato, 25 Settembre 2021
  "Ci chiediamo quale valore possono avere questi comportamenti senza prima una dichiarazione di ripensamento" Read More...
Image Il Governo Nazionale boccia il Governo Regionale. La presunzione non paga
Venerdì, 24 Settembre 2021
  Norme in materia di energia e Piano di Indirizzo Energetico Ambientale Regionale  Read More...
Image Vertenza ex Auchan, assessore Cupparo: 'La Regione mantiene i suoi impegni'
Venerdì, 24 Settembre 2021
  Sarà pubblicato un Avviso pubblico per dare una risposta ai lavoratori ex Auchan di Melfi Read More...
Image Inaugurato a Viggianello l'Ambulatorio di Reumatologia
Venerdì, 24 Settembre 2021
  Leone: "L'obiettivo della nostra riforma del sistema sanitario è quello di rafforzare la medicina territoriale" Read More...
Image Bardi alla Uil: politica non sia solo gestione del potere. Archiviare il clientelismo
Giovedì, 23 Settembre 2021
  "Basta a una politica attenta solo a poltrone e incarichi, la stagione del clientelismo è alle spalle" Read More...

sponsor

Sponsor