logo bn ultimo

 

Indipendente FI, assessore nel piccolo comune di Carbone, è la voce dell’area Sud della provincia

È l’unica rappresentante dell’area sud della Basilicata in Consiglio Provinciale e unica donna nella compagine consiliare, eletta con 5539 voti come indipendente nella lista di FI. Con lei abbiamo parlato di aree interne, piccoli comuni e dinamiche politiche locali e provinciali.

Una donna prima degli eletti in consiglio provinciale, e per giunta proveniente da un consiglio comunale di un piccolo paese dell’area sud della Basilicata, come è stato possibile?
È possibile quando si ama profondamente la propria Terra! I veri protagonisti della mia elezione sono i Sindaci e i Consiglieri Comunali, di centro destra e centro sinistra, i quali compatti hanno fatto sintesi sulla mia persona, andando oltre le logiche ideologiche e di partito. Il bisogno di rappresentanza dell'area Sud all’interno del Consiglio Provinciale è stato il motore che ha mosso uno straordinario lavoro di squadra, sposato in pieno dall'assessore Cupparo, il quale si è speso senza indugio per la causa. Determinante è stato il sostegno ricevuto anche da parte dei consiglieri di Potenza e degli altri comuni della nostra Provincia, i quali hanno voluto premiare il metodo di lavoro proposto e l'incisività dell'attività politica espletata.
Ringrazio e saluto tutte le donne candidate ma non elette in Consiglio Provinciale, con l'augurio che la loro attività politica e amministrativa possa proseguire all'interno delle comunità di appartenenza. A me, l’onere di rappresentare un genere che, per quel che si voglia dire, ancora fatica ad affermarsi in ruoli apicali o in organi di comando degli Enti. Il mio appello è di non arrenderci e di continuare a batterci affinché le nostre capacità vengano riconosciute e premiate a tutti i livelli, ritrovandoci sempre attraverso un forte senso di solidarietà che possa unire e che, soprattutto in Politica, possa abbattere le barriere di contrasti e contrapposizioni.

Spopolamento, povertà, impoverimento dei servizi e molti altri problemi affliggono le aree interne del territorio del Senisese-Serrapotamo, da dove occorre cominciare e cosa c’è in cantiere nel nuovo consiglio provinciale?
Esattamente. Sono questi i principali fenomeni da contrastare nei nostri 19 Comuni racchiusi nell' Area Interna del Mercure Alto Sinni Val Sarmento. Occorre cominciare e ricominciare sempre da azioni che vadano a non perdere di vista la SNAI, ad attuare e cantierizzare in tempi rapidi interventi e progetti già approvati, utilizzare strumenti nuovi tesi ad implementare progetti già posti in essere o crearne nuovi. Il primo tra questi strumenti è il PNRR. Il nuovo Consiglio Provinciale, con a capo il Presidente Guarino, lavorerà compatto e senza sosta per utilizzare al massimo questa importante occasione a favore della nostra Provincia.

La gran parte dei paesi di quest’area ha una popolazione troppo bassa e soprattutto troppo anziana per potersi rialzare, quali sono le azioni per evitare questa fuga e questa morte lenta?
Nel dibattito in seno al Consiglio d'insediamento di lunedì, ho ampiamente espresso la mia posizione a riguardo. Non può esserci futuro e prospettiva di sviluppo senza VIABILITÀ. Possiamo continuare ad investire sul turismo, agricoltura, servizi, ma senza strade non andiamo da nessuna parte. Solo un’adeguata viabilità può garantire ad un'area di continuare a sopravvivere, restare collegata e mettere le basi per attivare un reale rilancio economico, socio-culturale e anche sanitario. Viabilità è sinonimo di Lavoro; viabilità è sinonimo di istruzione; viabilità è sinonimo di sanità; viabilità è sinonimo di sviluppo. Potenziare i collegamenti verso i centri più importanti e strategici è l'unica arma per bloccare la fuga dai piccoli comuni, rendendoli più vivibili e appetibili da parte dell'iniziativa imprenditoriale privata.

Questione Serrapotina, vedremo la fine del tunnel?
La questione Serrapotina è per me di primaria importanza, così come lo è per i sindaci della Valle del Serrapotamo. Voglio ricordare che i 13 milioni di euro con cui è stato messo a finanziamento il nuovo tronco, prossimo ad essere appaltato, derivano dalle aree interne. Motivo questo che rafforza la volontà a vedere realizzata l'opera al più presto e vedere spesi i fondi nel migliore dei modi. Inoltre, battermi per il suo completamento è un atto dovuto alla comunità che amministro e a tutte quelle della Valle del Serrapotamo, che da quasi 40 anni aspettano la realizzazione di una strada che percorre ed evidenzia un vero e proprio reiterato fallimento politico. Quando parlo di Serrapotina, non intendo solo il suo completamento, bensì anche la messa in sicurezza del tronco esistente. L'augurio che posso fare a me stessa è quello di vedere la sua completa realizzazione durante il mio mandato, questo vorrebbe dire che ho servito con onore il mio territorio. Voglio precisare però, che lavorerò con la stessa passione e determinazione per tutti i 100 Comuni della Provincia, onorando il mandato ricevuto e agendo sempre come consigliera di tutti.

Passiamo alla politica. Lei viene dall’attivismo 5 Stelle e, è consigliere-assessore in un’amministrazione civica a Carbone, ora viene eletta come indipendente Forza Italia, un percorso insolito. Quale sarà lo sbocco politico?
Le dirò di più. Nasco da un padre biologico che è berlusconiano, da un padre politico che è uomo di Sinistra. Nuora di uno storico Segretario della Democrazia Cristiana. Vivo in prima fila le più importanti lotte del mio territorio. Mi formo attraverso l'attivismo 5 Stelle e ne divento portavoce istituzionale in consiglio comunale di Senise. Oggi sono assessore al Comune di Carbone in un'amministrazione di natura civica. Eletta in Consiglio Provinciale da indipendente nella lista di Forza Italia. Nessun percorso insolito, il mio. Sento di essere portatrice di un grande bagaglio di ideali e di valori politici, d'incarnare il fallimento e la crisi dei partiti e rappresentare la naturale evoluzione di quest'ultimi. Non ho mai perso la mia identità politica, ovvero l'agire secondo coscienza, dettata da valori cattolici e a favore della vita. Sempre vicina ai diritti delle fasce sociali più deboli e pronta a scendere in battaglia senza mezzi termini, se occorre, per dar voce a vertenza inascoltate.
Quanto all'essere indipendente nello schieramento di Forza Italia, non ho tessera di partito e nessuno mi ha imposto di averla. Anzi, un profondo ringraziamento a FI e all'assessore Cupparo per avermi accolta, dandomi modo di arrivare in Consiglio Provinciale, senza voler cambiare la mia natura, bensì aprendosi a forze ed energie nuove, provenienti da esperienze differenti, sulle quali potrebbe concentrarsi il futuro del partito stesso. Resterò indipendente e, l'unica bandiera che mi rappresenterà è quella della Provincia di Potenza. Un altro grande ringraziamento va al mio collega, compagno di gruppo consiliare, ovvero il Consigliere Desina, con il quale lavoreremo incessantemente al fianco del Presidente Guarino. Vorrei il mio sbocco politico in un polo di Centro, moderato, cattolico e riformatore.

Tra civiche e aggregazioni eterogenee, cosa dice la geografia politica del nuovo consiglio provinciale e come si muoveranno i consiglieri di FI?
Vedo civiche che in realtà sono rami del PD e del centrosinistra. Portano a casa 6 seggi, ai quali si unisce il seggio conquistato dalla lista civica legata ad Italia Viva, andando così a costituire lo schieramento di maggioranza. Per lo schieramento di minoranza occupato dal centro destra, abbiamo due seggi conquistati dalla civica filo Lega, 1 seggio per Fratelli d'Italia e 2 da Forza Italia.
In un Ente svuotato finanziariamente ma non per competenze, l'unico spirito che può animare il Consiglio tutto, è quello della collaborazione e dedizione al lavoro. Quando sarà necessario, non farò mancare la presenza di un dibattito serrato e forse anche acceso, ma sempre costruttivo e basato sui temi.

Lei è consigliere comunale a Carbone ma con radici politiche a Senise dove è stata consigliere comunale di opposizione, quale sarà il destino del centrodestra e in particolare di FI a Senise?
Esatto, sono assessore al comune di Carbone. Ho radici politiche a Senise e proprio a Senise continuerò a fare politica. Partendo dall'analisi del risultato ottenuto da FI nelle diverse tornate elettorali, risultato tra l'altro, sempre positivo. Considerata la presenza dell'assessore regionale Cupparo e dal 18 dicembre scorso anche la mia, in veste di Consigliera Provinciale, vedo un futuro fiorente! Io e l'assessore Cupparo lavoreremo con sinergia e sintonia per dare risposte concrete al nostro territorio, favorendo la crescita e la discussione all'interno del partito e in tutte le sedi istituzionali ritenute utili, favorendo e promuovendo un modello politico-istituzionale caratterizzato dall'ascolto e dalla partecipazione diretta dei cittadini e dei Sindaci alle scelte politiche e amministrative sia provinciali che regionali.

 

Francesco Addolorato