logo bn ultimo

 

Un finanziamento che punta a miglioramento degli spazi naturali, rurali e urbani

Ammonta a due milioni di euro il contributo assegnato dalla Regione Basilicata al Comune di Matera a seguito dell’approvazione del programma di interventi per le azioni di compensazione e mitigazione ambientale. “Si tratta di un finanziamento con il quale la Regione Basilicata – spiega l’assessore regionale all’Ambiente e all’Energia, Cosimo Latronico – punta a promuovere la salvaguardia, la gestione e la valorizzazione degli spazi naturali, rurali, urbani e peri urbani favorendo azioni e misure per migliorare la qualità del paesaggio. Oltre al mantenimento – continua Latronico – e al ripristino della naturalità, al rafforzamento della biodiversità e alla riqualificazione delle aree urbane”.Il programma di intervento proposto dal Comune di Matera, finalizzato al ripristino e alla tutela delle risorse ambientali del territorio, si rivolge a tre ambiti specifici per i quali sono previsti una serie di azioni ed interventi dedicati. In particolare un contratto di fiume torrente Gravina, la rigenerazione urbana e la riqualificazione paesaggistica dei borghi e delle cinture rurali e peri urbane e un progetto di miglioramento della rete dei corridoi ecologici del territorio comunale di Matera.

 

Ad oggi a Matera tanti i progetti nel piano annuale dei lavori pubblici di febbraio non sono ancora stati realizzati. Tra i progetti in questione: il recupero del teatro Duni, la ristrutturazione dell’ex provveditorato in via Montescaglioso, le opere di urbanizzazione e viabilità per la zona 33 in via la Martella, la tendostruttura a Serra rifusa, la casa e giardino delle tecnologie in via Maiorana, inoltre è ancora sospeso il bando per gli impianti di pubblica illuminazione con relativi interventi di efficienza energetica a LED per tutta la città. Sospesa anche la realizzazione di Piazza della Visitazione, la ristrutturazione di piazzetta Marconi, del sito ex Q8 di via Annunziatella, i lavori per la nuova scuola Torraca e ancora in corso inoltre i lavori della nuova scuola Bramante in costruzione, si ricorda, da ormai quasi un decennio. I problemi d’Ufficio a Palazzo di città delle ultime settimane e delle ultime ore, rendono l’orizzonte ancora meno roseo del solito. Si spera che la complessità non sia tale da bloccare ancora una volta la realizzazione di quelli che ad ora, per i materani, restano solo progetti.

Silvia Silvestri