logo bn ultimo

  

Sconfitta amara per i lucani che adesso vedono complicarsi il proprio cammino in campionato

Allo stadio Viviani Potenza- Messina 2-3. Eziolino Capuano fa il suo ritorno da avversario dopo aver allenato per due volte il Potenza padrone di casa; col Messina cerca una vittoria importante in quello che è uno scontro salvezza tra le due formazioni. In settimana la Corte Sportiva d'Appello della FIGC ha accolto il ricorso del Potenza, riducendo la squalifica di Manuel Ricci da 3 a 2 giornate. La sanzione era stata comminata in relazione alla gara contro la Vibonese. Respinto il ricorso relativo alla squalifica di Emmanuele Matino che dovrà quindi rimanere fermo per 4 partite. Per i Lucani la gara con il Messina è la seconda tra le mura amiche. Fabio Gallo con il4-3-2-1 con Baclet a fare da ricognitore in area siciliana. Siciliani coperti a centrocampo e due punte per cercare di fare risultato. Pronti, via. Primi dieci minuti di studio da entrambe le parti. La prima conclusione all’11’: l’esterno offensivo Costa Ferreira impegna l’estremo difensore ospite Lewandowski, costringendolo a chiudere in corner provvidenzialmente, evitando così pericoli. Potenza in avanti per il vantaggio. Al 27′ Messina verso la porta ospite: cross dalla sinistra, Balde schiaccia di testa ma il pallone finisce alto. Timido tentativo dei peloritani. Al 33’ Potenza in vantaggio: Costa Ferreira raccoglie il servizio di Banegas dalla destra e, dopo il velo di Baclet, mette dentro a porta spalancata. Tre minuti dopo Messina pareggia. Al 36’ il difensore Morelli trova libero l’esterno sinistro Sarzi Puttini che con un gesto tecnico batte il portiere lucano Marcone. Tutto da rifare per i lucani che nel finale cerca di raddrizzare il risultato senza riuscirci. Dopo tre minuti di recupero si va nello spogliatoio con il risultato in parità. Al 36’ Morelli scappia via sulla destra, salta il diretto avversario e mette in mezzo. C’è una mischia confusa, Sarzi Puttini si avventa e mette dentro a porta spalancata. Partita che torna in parità. Potenza per niente intimorito pressa gli ospiti nella propria difesa. Al 42′ occasione Potenza con Coccia, servito in profondità, il suo tiro al volo non è lontano dalla porta. Dopo 4 minuti di recupero, si chiude il primo tempo. Seconda frazione Gallo inserisce Volpe per Sessa e Salvemini per Baclet. E’ proprio Salvemini che costringe al giallo Celic per un vero e proprio ‘placcaggio’ al 48’. Poi al 59′ la beffa per i lucani: Morelli l’assist-man: il suo servizio in mezzo è per Adorante, che schiaccia di testa e la mette dentro. Sette giri di lancette è Potenza pareggia ancora . Al 66’ pallone perso a centrocampo da parte del neoentrato Fofana. Lewandowski respinge il tiro dal limite dell’avversario ma sulla ribattuta si avventa Banegas, che la mette dentro. Potenza in avanti con una azione clamorosa al 74’: svirgola in area Damian e il pallone finisce sulla trasversa, beffando Lewandowski, che è poi bravo a respingere sulla ribattuta di Volpe. Ma la beffa è dietro l’angolo efa sentire i suoi dolori .All’83’ Messina ancora in vantaggio: Fofana riscatta l’errore sul 2-2 e con una zampata mette dentro l’assist di Goncalves, appena entrato. Al Viviani non abita la noia, partita veloce ed effervescente con il Potenza concentrato nel raggiungere la parità. Dopo 4 minuti di recupero si va negli spogliatoi con la vittoria degli ospiti e Potenza che meritava qualcosa in più. Capuano fa centro alla prima proprio a Potenza. Viviani” incredulo, per il Potenza si tratta di un KO pesante dato che arrivato conto il Messina, diretta concorrente per la salvezza. In settimana si faranno i conti. Salta Gallo?.

POTENZA - ACR MESSINA 2-3

POTENZA (4-3-3): Marcone, Zampa (14' ptZenuni), Cargnelutti, Coccia, Sandri, Costa Ferreira (36' st Bruzzo), Gigli, Baclet (1' st Salvemini), Sessa (1' st Volpe), Banegas, Sepe. A disp.: Greco, Petriccione, Vecchi, Orazzo, Piana, Maestrelli, Zagaria, Grande. All: Fabio Gallo.

ACR MESSINA (3-5-2): Lewandowski, Celic, Carillo, Fazzi, Morelli, Konate (11'st Fofana), Damian, Simonetti (35' st Catania), Sarzi Puttini (35'st Lisboa Da Silva), Balde Balde (26'st Russo), Adorante. A disp.: Fusco, Fantoni, Lisboa, Rondinella, Mikulic, Marginean, Di Stefano, Busatto. All: Ezio Capuano

Arbitro: Enrico Maggio di Lodi (Riccardo Vitali di Brescia - Giuseppe Pellino di Frattamaggiore)
Marcatori: 33' pt Costa Ferreira, 66' st Banegas (P), 36'pt Sarzi Puttini, 58' st Adorante, 38'st Fofana (M)

Note: Ammoniti: Celic, Sarzi Puttini (M), Gigli (P). Angoli 5-2. Recupero: 3' pt, 4' st.

 

Oreste Roberto Lanza