logo bn ultimo

 

Un pareggio esterno che vale oro contro la forte formazione campana

Allo stadio Partenio-Adriano Lombardi Avellino – Az. Picerno 1-1. Padroni per abbordare il podio con un successo, lucani per fuggire dalla zona calda. Picerno al 13esimo posto in graduatoria per via dei 16 punti collezionati finora, frutto di 4 vittorie, 4 pareggi e 6 sconfitte. Negli ultimi 5 incontri sono arrivate 2 sconfitte, 2 pareggi e 1 vittoria. Esonerato Palo, al suo posto chiamato Leonardo Colucci.4-2-3-1 per l’Avellino di Braglia, conferma per Forte tra i pali; Dossena e Silvestri al centro con Tito a sinistra, Rizzo sulla corsia destra al posto di Ciancio. Centrocampo con Aloi e D’Angelo. Maniero in attacco dopo la buona prova offerta prima con il Taranto e poi con il Messina. Alle spalle del bomber partenopeo Micovschi, Kanoutè e Di Gaudio.4-4-2per i Melandrini: al posto dello squalificato Albertazzi, Viscovo. Linea difensiva con a destra, Guerra a sinistra Allegretto. In mediana sicuro del posto è solo Pitarresi e De Cristofaro. Affluenza che Gerardi riferimento centrale con Terranova che potrebbe stazionare sulla destra e Reginaldo a sinistra.

 

Pronti, via. Al 3’ primo tentativo dell’Avellino: cross su punizione di Tito, spiovente sul secondo palo, colpo di testa di Silvestri e pallone sul fondo. Tre minuti dopo si registrala prima occasione per i padroni di casa. Al 9 gran giocata di Kanoute, che raggiunge il fondo e pesca con un cross preciso Di Gaudio, appostato sul secondo palo. Colpo di testa dell'esterno palermitano e risposta in angolo di Viscovo. Un minuto dopo, al 10’, lucani in vantaggio: retropassaggio di testa errato di Tito, De Cristofaro si inserisce, anticipa con un pallonetto Forte e segna a porta vuota. Avellino che cerca il riscatto al 17’: Kanoute in palla, in questo primo scorcio di gioco. Il senegalese, però, non si capisce con Micovschi, che viaggia a un ritmo molto più lento rispetto al compagno. Leonessa per niente intimorita al 18’ crea problemi alla difesa dei padroni di casa: De Cristofaro è una spina nel fianco per Tito. La classe 2000 serve Gerardi, che tira dal limite e spedisce il pallone sul fondo. Partita veloce e con diversi capovolgimenti di fronte. Al 20’ occasione per l’Avellino: cross di Micovschi sul secondo palo, Silvestri si lancia di testa e colpisce il pallone, che attraversa tutta l'area piccola e si spegne sul fondo. Al 26’ il Picerno si fa ancora vivo nell’area degli irpini ma l’azione si spegne sul fondo. Avellino che tenta il tutto per tutto per pareggiare senza riuscirci. Al 34’ occasione per i lupi: punizione di Alio, una deviazione in barriera mette fuori causa Viscovo, ma il pallone scivola sul fondo. Al 40’ ci prova ancora l’Avellino: è Maniero che ci prova due volte, di testa trovando l'opposizione con i piedi di Viscovo, che si ripete sul tiro da terra aiutandosi con la traversa. Prima frazione si chiude con il vantaggio dei lucani. Seconda frazione con l’Avellino che raggiunge il pareggio. Al 48’ calcio di rigore per i padroni di casa: contatto al limite dell'area tra Allegretto (ammonito) e Kanoute.

 

Per l'arbitro è calcio di rigore. Batte Maniero e pareggia: per lui secondo goal stagionale. Picerno in dieci per l’espulsione di D’Angelo: Il centrocampista lucano, già ammonito, entra in rotta di collisione con Rizzo. Per l'arbitro non ci sono dubbi: secondo giallo ed espulsione. Picerno che si difende passando a 4-5-1. Al 72’ ancora un’occasione per l’Avellino: Kanoute chiede e ottiene l'uno-due con Gagliano e calcia in porta. Viscovo respinge in angolo. Picerno resiste. All’82’ palo di De Cristofaro : il rasoterra è deviato da Forte quel tanto che basta per indirizzarlo contro il palo. Dopo cinque minuti di recupero il Picerno guadagna un punto che equivale ad una vera vittoria dopo aver giocato alla pari con una corrazzata e gestito bene nella seconda frazione in dieci uomini. La vittoria alla fine sarebbe stato un vero riconoscimento.

AVELLINO-PICERNO 1-1:

AVELLINO(4-2-3-1): Forte; Rizzo, Dossena, Silvestri, Tito (dal 69′ Mignanelli); Aloi (dall’83’ De Francesco), S. D’Angelo (dal 69′ Gagliano); Micovschi (dal 46′ Carriero), Kanouté, Di Gaudio (dal 69′ Mastalli); Maniero. A disp: Pane, Sbraga, Bove, Matera, De Francesco, Plescia, Messina. All. P. Braglia.
Indisponibili: Ciancio, Scognamiglio.

PICERNO(4-4-2):Viscovo; Finizio, De Franco, Allegretto, Guerra; De Cristofaro (dall’88’ Vanacore), M. D’Angelo, Pitaressi, Terranova (dal 59′ De Marco); Gerardi (dall’88’ Carrà), Reginaldo (dal 59′ De Ciancio). A disp: Summa, Alciides, Setola, Garcia, Viviani, Dettori, Carrà, Coratella, Esposito. All. L. Colucci.

Arbitro: Matteo Centi della sezione di Terni.( Riccardo Pintaudi della sezione di Pesaro e Santino Spinadella sezione di Palermo).
Marcatori: De Cristofaro 10′, rig. Maniero 49′.
Note :Ammoniti: De Franco (P), Dossena (A), Allegretto (P), De Ciancio (P), Aloi (A), Silvestri (A).Espulsi: M. D’Angelo (P, doppio giallo).Tempo di recupero: 5′ 2T.

 

Oreste Roberto Lanza